LIBERTÀ. GIUSTIZIA. UGUAGLIANZA.

Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni per i diritti del popolo palestinese.

Notizie BDS

Notizie internazionali del movimento globale BDS.

Escludere dagli appalti le aziende che violano diritti umani e diritto internazionale.

Aziende coinvolte in violazioni di diritti umani e diritto internazionale non devono trarre profitti dagli appalti pubblici.

Mentre il Comune di Bologna conferma il suo impegno per l’adozione di procedure per appalti etici, emergono già, nei consorzi che hanno vinto appalti pubblici con questa amministrazione, i nomi di alcune imprese coinvolte in violazioni di diritti umani e diritto internazionale.

Una di queste è il gruppo industriale francese Alstom, che opera nel settore della costruzione di treni e infrastrutture ferroviarie, attualmente impegnato nella costruzione delle linee del tram a Bologna.

Alstom Ferroviaria S.p.A. e Alstom Transport S.A. infatti fanno parte del raggruppamento temporaneo di imprese (RTI) che si è aggiudicato l’appalto per la Linea Rossa (Borgo Panigale-Fiera Michelino-Facoltà di Agraria), con C.M.B. Società Cooperativa (capofila) e Pavimental S.p.A. Allo stesso raggruppamento di imprese è stata affidata la realizzazione della Linea Verde (Via dei Mille-Corticella).

Alstom S.A. è inclusa dal 2020 nel database delle Nazioni Unite, la lista nera che elenca 112 imprese convolte in attività economiche nelle colonie israeliane nei Territori Palestinesi Occupati, illegali ai sensi del diritto internazionale. Nello specifico, l’azienda è inclusa in quanto società madre di Bombardier Transportation Israel Ltd., acquistata nel 2021, ed è coinvolta in relazione a due categorie di attività illegali evidenziate nel database: “la fornitura di servizi e utenze a sostegno del mantenimento e dell'esistenza di insediamenti, compresi i trasporti”, e “l’utilizzo di risorse naturali, in particolare acqua e terra, a fini commerciali”.

Secondo il rapporto di Don’t Buy into Occupation (DBIO), una coalizione di 25 organizzazioni della società civile di Belgio, Francia, Irlanda, Paesi Bassi, Norvegia, Palestina, Spagna e Regno Unito, Alstom è coinvolta nella Jerusalem Light Rail (JLR), che collega le colonie illegali nella parte orientale occupata di Gerusalemme con la parte occidentale della città. Nel 2019, Alstom si era ritirata da una gara d'appalto dopo una significativa pressione da parte della società civile. Tuttavia, nel luglio 2021, Alstom è entrata a far parte di uno dei consorzi selezionati per partecipare alla gara d'appalto delle linee Blu e Viola per la Jerusalem Light Rail, che collegheranno le colonie illegali nel sud e nel nord della città, insieme a imprese israeliane incluse nella lista nera delle Nazioni Unite, come Electra Group Ltd. (nota anche per l’accordo di franchising con il gruppo francese della grande distribuzione Carrefour che ha aperto supermercati nelle colonie e offerto pacchi alimentari ai soldati dell’IDF impegnati nel genocidio a Gaza).

Inoltre, attraverso Bombardier Transportation Israel Ltd., sta collaborando con Israel Railways al collegamento ferroviario tra Tel Aviv e Gerusalemme. Il treno attraversa la linea verde nella Cisgiordania occupata in due aree, utilizza illegalmente terreni palestinesi pubblici e privati nei territori occupati per un progetto di trasporto israeliano a beneficio esclusivo dei cittadini israeliani.

Alstom ha diversi altri contratti in Israele. Tra questi la costruzione delle linee di metropolitana leggera Haifa - Nazareth e Linea Verde di Tel Aviv, sempre in consorzio con Electra Group Ltd.

Naturalmente, con l’ipocrisia che contraddistingue la maggior parte delle imprese, Alstom nel suo Codice Etico afferma di rispettare i Principi Guida delle Nazioni Unite in materia di imprese e diritti umani e la legislazione internazionale sui diritti umani.

Il caso di Alstom è un esempio di come, in assenza di politiche etiche di appalto e di impegno a rispettarle, aziende notoriamente coinvolte in violazioni di diritti umani e diritto internazionale possano impunemente trarre profitto da appalti pubblici, finanziati dalle tasse dei cittadini.

Sicuramente Alstom non è l’unica impresa con questo background ad avere appalti con amministrazioni pubbliche, come il Comune di Bologna o la Regione Emilia-Romagna. Per questo è urgente che Comune e Regione introducano misure adeguate per l’attuazione dell’ordine del giorno votato dal Consiglio Comunale il 22 aprile e della risoluzione approvata dall’Assemblea Legislativa Regionale l’11 giugno.

In attesa che tali misure siano attivate al più presto per gli appalti futuri, Comune e Regione dovrebbero prendere in considerazione azioni per interrompere i contratti in essere con aziende che risultassero coinvolte nelle violazioni di diritti umani e diritto internazionale.

Da parte nostra, continueremo a denunciare i crimini e le complicità di queste aziende e a chiedere che vengano escluse dagli appalti.

BDS Italia

BOICOTTA CARREFOUR COINVOLTO

NEI CRIMINI DI GUERRA COMMESSI DAL REGIME ISRAELIANO CONTRO IL POPOLO PALESTINESE

Il Gruppo Carrefour, azienda multinazionale della grande distribuzione con sede in Francia, che possiede più di 3.400 negozi nel mondo, è complice e beneficiario della colonizzazione illegale della Palestina e dell’apartheid imposto da Israele in quanto ha sottoscritto nel marzo 2022 contratti di franchising con le società israeliane Electra Consumer Products e Yenot Bitan entrambe attive nelle colonie israeliane illegali. Secondo il Diritto Internazionale operare nelle colonie illegali è un crimine di guerra e quindi Carrefour è complice di tale crimine.

Ma non basta: Carrefour e le sue filiali locali sostengono apertamente l'esercito di occupazione israeliano nel massacro che sta svolgendo a Gaza, fornendo migliaia di razioni alimentari ai soldati. Carrefour fornisce quindi un sostegno logistico a un'operazione militare che colpisce sistematicamente la popolazione civile, in gran parte bambini e donne, e che si caratterizza come un crimine di genocidio, secondo il diritto internazionale.

Questo avviene mentre la popolazione di Gaza sta letteralmente morendo di fame e di sete, poiché Israele, dopo aver distrutto completamente allevamenti, coltivazioni e produzioni alimentari, non lascia entrare nella striscia le migliaia di camion carichi di vettovaglie che stazionano ai confini con l’Egitto. Ormai si parla di carestia e le persone che ne sono colpite stanno aumentando sempre di più, così come aumentano, a causa della malnutrizione, i decessi tra i malati e tra i bambini: fame e carestia sono diventate, in mano ad Israele, armi di guerra, che Israele, come sempre, usa impunemente, sebbene lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale (CPI) stabilisca che causare la fame sia un reato.

Contro Carrefour continueremo a mobilitarci e a organizzare iniziative in varie città!
Proseguiremo la campagna #BoycottCarrefour

che il Comitato nazionale palestinese per il Boicottaggio, il Disinvestimento e le Sanzioni (BNC) ha lanciato Il 12 dicembre 2022, chiedendo ai sostenitori dei diritti dei palestinesi di boicottare il Gruppo Carrefour fino a quando:

  • non rescinderà l'accordo di franchising con Electra Consumer Products e la sua controllata Yenot Bitant;
  • non sospenderà ogni vendita di prodotti provenienti dagli insediamenti israeliani illegali nelle migliaia di supermercati e di negozi locali che gestisce nel mondo
  • segnalate le azioni che organizzate nelle vostre città

BDS Italia

Un passo importante verso l’esclusione di aziende complici del genocidio a Gaza e del sistema di oppressione israeliano. Un esempio da seguire in ogni città.

Nella seduta del 22 aprile il Consiglio Comunale di Bologna ha approvato all’unanimità dei presenti un ordine del giorno che “invita il sindaco e la giunta ad adottare una politica di appalti etici (PAE) che tenga conto del coinvolgimento degli offerenti e dei membri della sua entità economica in gravi violazioni dei diritti umani e/o del diritto internazionale (ad esempio, crimini di guerra e crimini contro l'umanità) e che consenta quindi al Comune di Bologna di escludere tali soggetti” e “a portare questa posizione in sede di discussione del rinnovo del Protocollo Appalti.”

Questo ordine del giorno, mettendo al centro la necessità che le aziende coinvolte negli appalti del Comune di Bologna, di qualsiasi nazionalità e dovunque operino, rispettino i diritti umani e il diritto internazionale, è un primo passo importante verso l’esclusione di aziende complici del regime israeliano di colonialismo, occupazione militare e apartheid, responsabile del genocidio in corso a Gaza e di violazioni che durano da oltre 75 anni, nell’impunità più assoluta.

Bologna così si unisce a diverse città in Europa e nel mondo, incluse Gent, Verviers e Liège (Belgio), Oslo, Barcellona, Bélem (Brasile), Derry e Strabane (Irlanda), Hayward (USA), che hanno già adottato misure simili che puntano a colpire le complicità con i crimini di Israele.

L’adozione di politiche etiche di appalto costituisce una scelta di principio giuridicamente fondata da parte delle amministrazioni pubbliche, in linea con le norme indicate nei principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani che descrivono il ruolo e le responsabilità delle imprese per evitare di causare o contribuire a impatti negativi sui diritti umani attraverso le proprie attività, e per prevenire o attenuare impatti negativi sui diritti umani direttamente legati alle loro attività e causati da loro partner commerciali. Queste stesse norme richiedono che gli stati e le amministrazioni pubbliche, compresi i consigli comunali, promuovano il rispetto dei diritti umani da parte di tutte le imprese con cui conducono transazioni commerciali.

Ora si tratta di intraprendere tutte le iniziative necessarie affinché procedure etiche di appalto vengano effettivamente introdotte in tempi brevi nel Protocollo degli Appalti del Comune di Bologna e vigilare perché nessuna azienda complice dei crimini di Israele sia ammessa a partecipare ad appalti.

Questo ordine del giorno, promosso dai consiglieri comunali di Coalizione Civica con il sostegno di altri consiglieri di maggioranza, risponde a una sollecitazione di Omar Barghouti, co-fondatore del movimento internazionale nonviolento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni, fatta nel corso degli incontri a Bologna il 20 febbraio e alle precise richieste in questo senso avanzate dal Coordinamento Campagna BDS Bologna e rilanciate da “Bologna per la Palestina”, un coordinamento cittadino di cui fanno parte oltre 40 associazioni.

Richieste di introduzione di politiche etiche sugli appalti sono state avanzate anche all’Università di Bologna, nell’ambito delle mobilitazioni in corso di studenti, personale accademico e personale tecnico-amministrativo per interrompere i rapporti con le università israeliane e con istituzioni e aziende complici dei crimini di Israele, e alla Regione Emilia-Romagna, che finora vergognosamente non è riuscita nemmeno a esprimersi sulla necessità di un cessate il fuoco.

Questo primo risultato è frutto di un percorso di confronto avviato da attivist* e associazioni per i diritti dei palestinesi con alcuni consiglieri sensibili a questo tema, che ha portato in dicembre all’approvazione di un ordine del giorno a favore del cessate il fuoco a Gaza, con la conseguente affissione di uno striscione con questa richiesta in Piazza Maggiore, e successivamente all’organizzazione da parte dei gruppi consigliari di maggioranza di un incontro con Omar Barghouti e Elian Weizman, oggetto di pesanti attacchi e tentativi di censura da parte dei sostenitori di Israele.

Invitiamo gruppi e associazioni solidali con la lotta del popolo palestinese a intraprendere percorsi simili in tutta Italia, coinvolgendo rappresentanti di istituzioni locali e amministrazione pubbliche, per introdurre misure che mettano fine alle complicità con i crimini di Israele e impongano il rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale.

Per informazioni e materiali sulle politiche etiche di appalto scrivete a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il ritiro del colosso tecnologico è un altro forte indicatore del drammatico calo di fiducia nell’economia israeliana.

Samsung Next, il braccio innovativo del gigante tecnologico coreano Samsung, sta chiudendo le sue attività a Tel Aviv, un altro forte indicatore del drammatico calo di fiducia nell’economia israeliana.

Ritirandosi da Israele, Samsung Next, che fino ad oggi aveva investito in circa 70 start-up israeliane, è l’ultimo fondo a disinvestire dal settore hi-tech israeliano, un tempo fiorente, che rappresenta oltre il 50% delle esportazioni. Molte aziende tecnologiche statunitensi e israeliane si sono già ritirate. Nel 2023, gli investimenti nelle aziende tecnologiche israeliane sono crollati del 56% rispetto al 2022

Il ritiro delle imprese da Israele riflette la crescente consapevolezza da parte delle aziende globali di due rischi principali:

(a) La sentenza della Corte Internazionale di Giustizia secondo cui Israele sta plausibilmente commettendo un genocidio contro 2,3 milioni di palestinesi a Gaza pone un serio rischio di responsabilità legale per complicità.
(b) L'economia israeliana è in chiaro e costante declino, come ha dovuto infine ammettere anche Moody's, a causa dei problemi strutturali neoliberisti, delle riforme giudiziarie avviate dal governo di estrema destra e del crescente impatto del BDS. 

Già nel luglio 2023, il leader dell’opposizione israeliana Yair Lapid scriveva: “Israele non è più la nazione delle start-up. È una nazione in crisi. È una crisi politica, sociale e internazionale, ma i suoi effetti saranno economici. … Alcuni dei danni [economici] causati di recente richiederanno anni per essere riparati". Ma dall’inizio del genocidio di Gaza in Israele, limpatto del BDS è cresciuto drasticamente, quasi in proporzione all’aumento della ferocia e della depravazione della “fabbrica di assassinio di massa” di palestinesi da parte di Israele e del suo uso della fame come arma di guerra. Molte aziende del settore hi-tech israeliano, in particolare nel campo della sicurezza informatica, sono “nate dall’esercito”. I finanziamenti per il settore della sicurezza informatica israeliana nel 2023 hanno toccato il minimo degli ultimi 5 anni , probabilmente a causa di un’emergente perdita di fiducia nelle capacità di Israele riguardo alla sicurezza, un tempo invidiate.

Investire nel regime coloniale di insediamento e apartheid di Israele, in vigore da 76 anni, è sempre stato immorale e verosimilmente illegale. Ora è anche finanziariamente irresponsabile.

#ShutDownNation

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia

Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione europea

Valdis Dombrovskis, Vicepresidente esecutivo della Commissione europea

Charles Michel, Presidente del Consiglio europeo

Roberta Metsola, Presidente del Parlamento europeo

Alessandro De Croo, Primo ministro del Belgio, Presidenza del Consiglio dell'Unione Europea

Josep Borrell, Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza

Primi ministri di tutti gli Stati membri dell’UE

Jonas Gahr Store, Primo ministro della Norvegia

Gentili signore/signori,

Noi, sindacati europei firmatari, chiediamo all’UE e ai paesi europei di sospendere l’accordo di associazione con Israele nonché i trattati bilaterali alla luce delle gravi violazioni dei diritti umani da parte del Governo israeliano, in violazione dell’articolo 2 dell’UE – Accordo di associazione con Israele.

Il conflitto a Gaza e le gravi restrizioni aggiuntive imposte dal Governo israeliano in Cisgiordania hanno avuto un impatto devastante sui lavoratori palestinesi e su coloro che sostengono. L'ILO ha riferito a dicembre che dal 7 ottobre sono andati perduti il 66% dei posti di lavoro a Gaza e il 32% in Cisgiordania.

Venerdì 26 gennaio 2024, la Corte internazionale di giustizia (CIG) ha ritenuto plausibile che gli atti commessi da Israele possano equivalere a un genocidio contro 2,3 milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza occupata e assediata. L’CIG ha inoltre emesso sei misure provvisorie, ordinando a Israele di prevenire atti di genocidio a Gaza.

Quando la sentenza della Corte internazionale di giustizia è stata emessa, diversi paesi europei hanno deciso di sospendere i finanziamenti all'UNRWA, a seguito di accuse non ancora provate, complicando ulteriormente la fornitura di aiuti umanitari alla popolazione di Gaza. Chiediamo che questi aiuti vengano ripristinati, per evitare ulteriori morti a causa della mancanza di risorse per l'assistenza alla popolazione civile.

Da quando i giudici hanno emesso la loro sentenza, la situazione è ulteriormente peggiorata. Oltre 30.000 palestinesi sono morti, 1,7 milioni di persone sono sfollate, il 93% si trova ad affrontare livelli critici di carenza alimentare. La devastazione è innegabile. La sentenza della Corte internazionale di giustizia ha implicazioni più ampie per tutti gli stati, poiché tutti sono obbligati sia ad astenersi dal commettere un genocidio, sia a prevenirlo e punirlo ovunque si verifichi. Ricordiamo a tutti gli stati parti della Convenzione che hanno l'obbligo legale di garantire l'attuazione delle "misure provvisorie", di prevenire il genocidio e di garantire che non siano complici del genocidio.

Nel febbraio 2023 Irlanda e Spagna hanno chiesto una “revisione urgente” dell’accordo di associazione UE-Israele – e un intervento nel caso in cui si scoprisse che Israele ha violato i suoi obblighi di “rispetto dei diritti umani e dei principi democratici” che “costituiscono la base stessa dell’accordo di associazione".

Le mutilazioni e l’uccisione di decine di migliaia di civili, la morte per fame della popolazione deliberatamente provocata e la distruzione di tutti i mezzi di sopravvivenza suggeriscono infatti che Israele non stia rigorosamente rispettando i diritti umani e le norme democratiche a Gaza.

L’UE è il principale partner commerciale di Israele, con un volume di scambi pari a oltre 46 miliardi di Euro nel 2023. Il commercio è regolato dall’accordo di associazione UE-Israele, che include una clausola sui diritti umani sugli “elementi essenziali”. “Ciò significa che entrambe le parti possono sospendere unilateralmente l’accordo in risposta a gravi violazioni dei diritti umani.

Israele partecipa anche a Horizon Europa, il programma di ricerca e innovazione da 95 miliardi di Euro nell’ambito del quale le istituzioni israeliane possono richiedere finanziamenti. Anche l’accesso a questo redditizio programma dovrebbe essere immediatamente sospeso fino a quando Israele non garantirà il rispetto dei suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale.

Il 23 febbraio un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha lanciato un appello urgente per fermare immediatamente l'esportazione di armi verso Israele. Inoltre, il 12 febbraio 2024 la corte d’appello olandese ha ordinato ai Paesi Bassi di sospendere l’esportazione di parti di aerei da caccia F-35 verso Israele. La corte ha ritenuto che esistesse un “chiaro rischio” che le parti venissero utilizzate per commettere o agevolare gravi violazioni del diritto internazionale umanitario, poiché “ci sono molte indicazioni che Israele ha violato il diritto umanitario di guerra in un numero non trascurabile di casi”.

Sosteniamo queste dichiarazioni e invitiamo l’UE e i Paesi europei a imporre un embargo militare e a fermare il trasferimento di armi attraverso i loro paesi, come richiesto dai sindacati palestinesi.

PDF

Cordiali saluti,

Rete sindacale europea per la giustizia in Palestina

Co-firmato da:

ACV-CSC (Belgio)
Pancyprian Federation of Labour PEO (Cipro)
Union Syndicale Solidaires (Francia)
Irish Congress of Trade Unions (Irlanda)
La Centrale Générale-FGTB (Belgio)
Métallos-FGTB (Belgio)
CNE-CSC (Belgio)
ACV Puls (Belgio)
CGSP-ALR Bruxelles / ACOD-LRB Brussel (Belgio)
CGT-FNSCBA (Francia)
CGT-FDSP (Francia)
Fédération Syndicale Unitaire (Francia)
Fórsa (Irlanda)
Communication Workers Union (Irlanda)
Irish National Teachers Organisation (Irlanda)
Teachers’ Union of Ireland (Irlanda)
Mandate Trade Union (Irlanda)
UNISON (Irlanda del Nord)
NIPSA (Irlanda del Nord)
Fagforbundet (Norvegia)
Industri Energi (Norvegia)

CGT - Confederación General del Trabajo (Spagna)
ELA (Paese Basco)
Solidaritat Obrera (Catalogna)
IAC-Intersindical alternativa de Catalunya (Catalogna)
Confederación Intersindical Galega (CIG) (Galicia)
Intersindical Valenciana (Paese Valenciano)
SAT-PDI-US (Spagna)
Craigavon Trades Council (Irlanda)
Dundee Trades Union Council (Scozia)
Cork Council of Trade Unions (Irlanda)
NUJ Dundee Branch (Scozia)
Unite Retired Members Branch Dundee (Scozia/RU)
Dublin Council of Trade Unions (Irlanda)
Federation CGT des Services Publics (Francia)
CGT FDSP (Francia)
Syndicat CGT retraités de Morsang sur Orge UCR CGT (Francia)
Comité des syndicats CGT ville de Paris (Francia)
CGT Territoriaux Strasbourg Eurométropole (Francia)
CGT Territoriaux de Saint-Nazaire (Francia)
Coordination Syndicale Départementale CGT des Services Publics de Seine Maritime (Francia)
Section retraités service public ville de Tarbes et TLP (Francia)
UFICT CGT TX IVRY (Francia)

Fonte: European Trade Unions

Traduzione di BDS Italia

Dall’inizio della guerra genocida di Israele contro 2,3 milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza occupata e assediata, l’impatto del movimento BDS è cresciuto notevolmente e ha iniziato a influenzare alcuni stati.

INTRODUZIONE: 

Negli ultimi 18 anni, il movimento BDS ha costruito un’enorme rete in tutto il mondo, sostenuta da sindacati, associazioni di agricoltori , movimenti per la giustizia razziale, sociale, di genere e climatica, che insieme rappresentano decine di milioni di persone. Ha avuto un grande impatto sull’isolamento del regime israeliano di apartheid, anche facendo sì che grandi multinazionali, come G4S, Veolia, Orange, HP, PUMA e altre, mettessero fine totalmente o parzialmente alla loro complicità con i suoi crimini contro i palestinesi indigeni. 

Dall’inizio della guerra genocida di Israele contro 2,3 milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza occupata e assediata, l’impatto del movimento BDS è cresciuto notevolmente e ha iniziato a influenzare alcuni stati. Il movimento, con i suoi numerosi partner, ha intensificato la pressione sui politici affinché pongano fine alla complicità di stati e aziende con i crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio di Israele, attraverso la diffusione della sua analisi ormai ampiamente accettata di Israele come stato di apartheid e la richiesta di sanzioni mirate e legali, in particolare un embargo globale e bilaterale sulle armi, come adempimento degli obblighi giuridici previsti dal diritto internazionale.

Questo impatto è stato rafforzato dal caso sudafricano presso la Corte internazionale di giustizia (CIG) che accusa Israele di genocidio e dalla successiva sentenza della CIG del 26 gennaio 2024 secondo cui Israele sta plausibilmente perpetrando un genocidio a Gaza.

Il 23 febbraio, gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno rilasciato una dichiarazione clamorosa che fa riferimento al rischio di genocidio invitando tutti gli stati a rispettare i loro obblighi legali bloccando “immediatamente” tutte le “esportazioni di armi verso Israele” e imponendo “sanzioni su commercio, finanza, viaggi, tecnologia o cooperazione." Ciò ha fatto eco alle richieste che il movimento BDS diffonde e per le quali sta costruendo un sostegno di massa da molti anni.

Sebbene nella maggior parte degli sviluppi riportati di seguito ci siano stati altri fattori influenti, ovviamente il BDS ha svolto un ruolo inequivocabile, anche se a volte indiretto, nella loro realizzazione.

INDICATORI DI IMPATTO (un campione rappresentativo di molti sviluppi simili):

(1) Governi nazionali e locali:

  • La Bolivia ha sospeso le relazioni diplomatiche con Israele, mentre Cile, Colombia, Ciad, Honduras, Turchia e Giordania, tra gli altri, hanno ridimensionato le relazioni con Israele. 
  • L'Unione Africana ha di fatto sospeso lo status di osservatore di Israele.
  • Il 29 febbraio il presidente colombiano Gustavo Petro ha annunciato la sospensione totale degli acquisti di armi da Israele.
  • Il governo regionale belga della Vallonia ha sospeso due licenze di esportazione di armi verso Israele. I vice primi ministri di Belgio e Spagna hanno chiesto di “sospendere il trattato di associazione dell’UE con Israele, imponendo un embargo generale sulle armi o addirittura imponendo sanzioni nell’ambito del regime globale di sanzioni sui diritti umani dell’UE”.
  • Il Cile ha bandito le aziende israeliane dalla sua fiera delle armi, e le aziende israeliane erano assenti anche alla fiera delle armi della Colombia.
  • Il 29 febbraio, il Partito socialista operaio spagnolo, il principale partito al potere in Spagna, ha votato in parlamento, insieme ad altri partiti, a favore dell'immediata sospensione del commercio di armi della Spagna con Israele. Il 13 marzo la commissione affari esteri del parlamento spagnolo ha votato a favore della sospensione del commercio di armi con Israele. 
  • Il fondo sovrano norvegese, il più grande al mondo, ha recentemente annunciato che entro novembre 2023 ha interamente disinvestito quasi mezzo miliardo di dollari in obbligazioni israeliane. Le obbligazioni israeliane sono uno dei principali obiettivi del movimento BDS da ottobre 2023. La più grande federazione sindacale, LO, con un milione di membri, ha svolto un ruolo significativo in questo.
  • Diversi fondi pensione danesi hanno escluso e disinvestito da società israeliane, comprese banche, coinvolte nelle colonie illegali israeliane. 
  • Il governo norvegese ha consigliato alle aziende norvegesi di “non impegnarsi in cooperazioni commerciali o scambi commerciali che servano a perpetuare le colonie illegali israeliane”.
  • Il 3 gennaio 2024, la commissione per i diritti umani del Senato cileno ha approvato un disegno di legge che vieta il commercio con gli insediamenti israeliani.
  • Il governo malese ha bandito tutte le navi di proprietà israeliana, in particolare quelle della compagnia di navigazione israeliana Zim, in risposta alle violazioni del diritto internazionale da parte di Israele, una decisione sostenuta dagli sforzi persistenti di BDS Malesia.
  • Il Parlamento canadese ha votato per porre fine alle esportazioni di armi verso Israele il 18 marzo 2024, mentre oltre 130 parlamentari britannici hanno chiesto di vietare tutte le vendite di armi a Israele. 
  • La città di Barcellona (Catalogna) ha compiuto un passo storico tagliando tutti i legami con Israele a causa del suo sistema di apartheid e dei crimini di guerra commessi contro i palestinesi a Gaza, creando un precedente in Europa. Ciò ha fatto seguito a una campagna condotta dai partner BDS in Catalogna.
  • Il governo giordano ha annunciato il rifiuto di un accordo “elettricità in cambio di acqua” con Israele, a seguito della significativa pressione pubblica guidata da BDS Giordania.
  • Il consiglio regionale neozelandese per l’ambiente di Canterbury (ECan) ha votato per non collaborare con le aziende che fanno affari con le colonie illegali israeliane nei territori occupati.
  • Nonostante la parte preponderante della propaganda israeliana che giustifica il genocidio nei principali media statunitensi, la maggioranza degli elettori statunitensi ora sostiene l’interruzione o il condizionamento dei finanziamenti militari e delle spedizioni di armi a Israele.
  • In Turchia, le città di Adana e Antalya hanno cancellato i protocolli delle loro città gemellate con le controparti israeliane, rispettivamente Beersheba e Bat-Yam. Ciò ha fatto seguito a un’intensa campagna di BDS Turchia.
  • Il 29 novembre 2023, il consiglio comunale di Ghent (Belgio) ha annunciato che non acquisterà da società che traggono profitto dal sistema israeliano di occupazione e oppressione dei palestinesi nei territori occupati. 
  • Il 10 gennaio, la città di Derry e il consiglio distrettuale di Strabane (Irlanda del Nord) hanno annunciato l'intenzione di adottare una politica di misure etiche sugli appalti pubblici.
  • Il 25 gennaio, il più grande partito irlandese, lo Sinn Fein, ha annunciato che sta lavorando nei consigli comunali di tutta l'Irlanda per attuare misure etiche sugli appalti pubblici.
  • Il 25 gennaio 2024 la città di Hayward, California (Stati Uniti) ha votato per il disinvestimento da quattro società complici delle violazioni israeliane dei diritti umani e del diritto internazionale.
  • Più di 120 consigli comunali negli Stati Uniti hanno approvato risoluzioni che chiedono un cessate il fuoco. 

(2) Aziende:

  • Nel marzo 2024, a seguito delle pressioni di BDS Giappone e dei suoi alleati che si riferivano alla sentenza della Corte internazionale di giustizia secondo cui Israele sta plausibilmente commettendo un genocidio, due importanti aziende giapponesi, Nippon Aircraft Supply e Itochu Corporation, hanno interrotto i rapporti con il più grande produttore privato di armi israeliano, Elbit Systems.
  • Elbit Systems, il più grande fabbricante privato di armi israeliano e fattore chiave del genocidio in corso, ha espresso preoccupazione per l'impatto delle campagne BDS contro di esso, nonostante l'aumento delle sue vendite di armi “testate sul campo”. La paura della Elbit nei confronti del BDS può essere spiegata dalla tendenza emergente ai disinvestimenti da parte di grandi banche e fondi di investimento. Il 12 febbraio 2024, ad esempio, il comitato di investimento dello Stato di Wisconsin Investment Board ha rivelato di aver venduto tutte le 8.083 azioni Elbit che possedeva nel novembre 2023. Due giorni dopo, Bank of America Corp ha rivelato di aver versato più del 50% delle sue azioni. Azioni Elbit da novembre 2023. Anche Scotiabank, il più grande investitore straniero in Elbit, ha ridotto le sue partecipazioni in azioni Elbit tra il terzo e il quarto trimestre del 2023 di circa il 16%. Continuano le campagne per spingere al disinvestimento totale. 
  • Nel marzo 2024, il gigante statunitense del fast food McDonald's è stato costretto a ritirare la sua stupida causa legale per diffamazione contro BDS Malaysia. La società ha subito perdite significative e il valore delle azioni è sceso a seguito della crescente campagna BDS globale, come ammesso dal suo management. Il boicottaggio nel mondo arabo ha avuto un ruolo importante in questa pressione.
  • L'azienda tedesca di abbigliamento sportivo Puma ha annunciato nel dicembre 2023 che non rinnoverà il contratto con la Federcalcio israeliana in scadenza alla fine del 2024, cedendo alle pressioni del BDS che sono costate caro all'azienda in termini di danni alla reputazione.
  • Carrefour, la catena di supermercati francese presa di mira dal BDS per la sua complicità nei crimini israeliani, ha chiuso quattro filiali in Giordania, a seguito di un'intensa campagna condotta da BDS Jordan. La giordana Al-Ameed Coffee Company aveva precedentemente deciso di chiudere tutte le sue filiali nei supermercati Carrefour in Giordania a causa della complicità di Carrefour nei crimini di Israele.

(3) Istituzioni (sindacali, religiose, accademiche, culturali, sportive):

  • I principali sindacati indiani che rappresentano decine di milioni di lavoratori hanno chiesto al governo indiano di annullare un accordo per “l’esportazione” di lavoratori indiani in Israele in sostituzione di quelli palestinesi, esortando i lavoratori a boicottare i prodotti israeliani e a non movimentare merci israeliane.
  • I sindacati dei lavoratori portuali in Belgio, India, Catalogna, Italia, Grecia, Turchia, California e Sud Africa hanno intrapreso azioni contro le navi israeliane o le spedizioni di armi verso Israele.
  • L’International Alliance of App-based Transport Workers - IAATW, un'alleanza internazionale guidata dai sindacati dei lavoratori dei trasporti basati su app con 100.000 membri provenienti da oltre 27 paesi e 6 continenti, ha deciso di boicottare le stazioni di servizio a marchio Chevron. 
  • La più grande e antica chiesa afro-americana, la Chiesa episcopale metodista africana , con circa 3 milioni di membri, ha accusato Israele di genocidio, invitando gli Stati Uniti a “ritirare immediatamente tutti i finanziamenti e altro sostegno a Israele”, per porre fine alla sua complicità.
  • I presidi di tutte le università palestinesi hanno chiesto di isolare le università israeliane in tutto il mondo. 
  • Cinque università norvegesi hanno sospeso gli accordi di collaborazione con università israeliane complici del genocidio israeliano a Gaza. 
  • Il consiglio della facoltà di giurisprudenza dell'Università di Anversa (Belgio) ha deciso all'unanimità di interrompere un accordo di cooperazione con l'Università Bar-Ilan a causa del suo incrollabile sostegno all'assalto militare israeliano a Gaza.
  • Il consiglio studentesco della Harvard Law School ha approvato una risoluzione che invita la Harvard Management Corporation e tutte le istituzioni e organizzazioni della comunità di Harvard a disinvestire dal regime di occupazione militare israeliano e dal genocidio in corso a Gaza.
  • Il senato accademico dell'Università di Torino (Italia) ha deciso di non partecipare a bandi di ricerca scientifica con istituzioni israeliane complici con il genocidio da parte di Israele a Gaza.
  • L'Università di Girona (Catalogna) si è impegnata a rivedere tutti gli accordi con le università israeliane. L’Università Federale del Ceará (Brasile) ha cancellato l’accordo “Innovation Challeng Brazil – Israel (Sfida dell’Innovazione Brasile – Israele)” e la facoltà di Scienze umane e sociali dell'Universidad Nacional de la Patagonia San Juan Bosco (Argentina) ha votato a sostegno dell'appello dell'Università di Birzeit che chiede di evitare le istituzioni accademiche israeliane complici.
  • L'associazione dei docenti dell'Università di Montreal, che rappresenta quasi 1400 docenti, ha votato all'unanimità per il boicottaggio delle università israeliane, diventando la PRIMA in Canada a farlo.
  • Gli studenti dell’Università della California Davis (Stati Uniti) hanno votato per disinvestire il loro budget di 20 milioni di dollari dalle aziende complici del genocidio e dell’occupazione. 
  • IlSenato della facoltà dell'Università del Michigan (Stati Uniti) ha votato a favore del disinvestimento il 30 gennaio 2024. 
  • Un centinaio di organizzazioni artistiche statunitensi, tra cui editori, gallerie, locali, riviste, librerie, collettivi, festival e agenzie, hanno appoggiato il boicottaggio culturale di Israele.
  • Il Cinema Girona ha cancellato il festival cinematografico e televisivo israeliano Seret sponsorizzato dall'ambasciata israeliana e dal Ministero della Cultura, dopo l'impegno privato di gruppi catalani.
  • Eurovision: i ministri della Cultura del Belgio hanno chiesto di bandire Israele dall'Eurovision, così come hanno fatto oltre 4000 artisti, di cui oltre 1000 in Svezia, paese ospitante. Il più grande gruppo di proiezione dell'Eurovision di Londra è tra gli eventi che saranno cancellati a causa della partecipazione di Israele. 
  • Più di 100 artisti hanno boicottato il festival South by Southwest (SXSW) in Texas (Stati Uniti) a causa della sua partnership con l'esercito americano e i produttori di armi che armano il genocidio di Israele.
  • Decine di migliaia di artisti hanno chiesto il cessate il fuoco, la giustizia e l’obbligo di rendere conto attraverso decine di lettere e iniziative, anche nel campo della musica, delle arti visive, del cinema, della letteratura e molto altro.
  • Olimpiadi: le petizioni che chiedono di bandire Israele dagli sport internazionali hanno raccolto più di 280.000 firme. Ventisei parlamentari francesi hanno chiesto al CIO di sanzionare Israele. 
  • FIFA: La federcalcio dell'Asia Occidentale ha chiesto la sospensione dell'adesione di Israele alla FIFA, e le richieste di escludere Israele dai Giochi Olimpici stanno guadagnando slancio a livello globale.
  • Il Comitato esecutivo della ginnastica europea ha deciso che Tel Aviv non ospiterà più i Campionati europei di ginnastica artistica 2025. 
  • I campionati europei di pallanuoto del 2024 si sono spostati fuori Israele. 
  • 4.000 artisti queer si sono impegnati a non esibirsi né esporre le loro opere in Israele. La più antica organizzazione LGBTQ+ negli Stati Uniti ha chiesto la fine del #genocidio di Gaza in Israele. Dieci registi queer si sono ritirati dal festival cinematografico LGBTQ+ sponsorizzato dal governo israeliano. Il National Student Pride nel Regno Unito ha eliminato gli sponsor complici dell’apartheid e del genocidio israeliani.

Fonte: Comitato Nazionale Palestinese per il BDS (BNC)

Dopo la sentenza vincolante della Corte internazionale di giustizia (CIG) del 26 gennaio 2024 che conferma la plausibilità del genocidio da parte di Israele contro 2,3 milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza occupata e assediata e che ordina di fermare e prevenire tutti gli atti genocidi:

  • Gli Stati Uniti, la Germania, il Regno Unito e altre potenze occidentali hanno continuato ad armare, finanziare e consentire in altri modi il genocidio di Israele (compreso un altro veto statunitense), arrivando persino a tagliare i fondi dell’UNRWA (Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, NdT) per favorire la guerra per fame di Israele, un atto condannato dagli esperti di genocidio come “coinvolgimento diretto nell’intensificazione di atti genocidari contro il popolo palestinese”. 
  • Esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno chiesto un embargo “immediato” sulle armi contro Israele e “sanzioni su commercio, finanza, viaggi, tecnologia o cooperazione”.
  • Governi e aziende hanno iniziato a riesaminare e fermare i trasferimenti di armi e le relazioni militari con Israele e la sua industria militare complice, ma l’Assemblea Generale dell’ONU (UNGA) è chiamata a dare risposta al crescente consenso globale e ad aggirare la paralisi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite guidato dagli Stati Uniti.
  • Nonostante il dominio della propaganda israeliana che giustifica il genocidio nei principali media statunitensi, la maggioranza degli elettori statunitensi, come la maggior parte dell’umanità, sostiene l’interruzione o il condizionamento dei finanziamenti militari e delle spedizioni di armi a Israele. 

Sia nel caso sull'occupazione prolungata che nel caso sul genocidio presentati alla Corte Internazionale di Giustizia contro Israele, un gran numero di stati, organizzazioni regionali, avvocati per i diritti umani ed esperti di diritto internazionale hanno condannato il sistema di apartheid di Israele contro i palestinesi e la sua guerra genocida. Hanno affermato che la “totale impunità” di Israele, come l'ha definita il Segretario Generale delle Nazioni Unite, rappresenta una minaccia non solo per i palestinesi, ma anche per il sistema legale internazionale e la pace nel mondo.

Le forze israeliane hanno commesso diversi massacri contro palestinesi affamati in cerca degli scarsissimi aiuti alimentari in arrivo, mentre continuavano la loro campagna di bombardamenti sfrenati, che hanno ucciso oltre 3 500 palestinesi dall’ordine della Corte internazionale di giustizia (con un totale che dall’ottobre 2023 supera i 31mila, per lo più bambini e donne).

Il 21 febbraio, a seguito di un ripetuto appello da parte del comitato inter-agenzie delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco, il capo dell’UNRWA Phillip Lazzarini ha nuovamente avvertito che “non esiste un posto sicuro a Gaza; le malattie dilagano; la carestia incombe; l'acqua è agli sgoccioli; la produzione alimentare si è fermata; gli ospedali si sono trasformati in campi di battaglia; un milione di bambini affrontano traumi quotidiani”. Lo stesso giorno, gli Stati Uniti, ancora una volta, hanno posto il veto a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva un cessate il fuoco a Gaza.

La Convenzione sul genocidio, secondo gli esperti di diritto internazionale, obbliga gli stati “ad astenersi dall’essere complici attraverso aiuti o assistenza… nel momento in cui lo stato viene a conoscenza dell’esistenza di un grave rischio che venga commesso un genocidio”. L’incapacità di prevenire il genocidio, per non parlare della fornitura di aiuto o assistenza a Israele mentre lo sta plausibilmente perpetrando, rende gli stati complici.

Gli stati del Sud del mondo hanno ampiamente appoggiato il caso di genocidio presentato dal Sudafrica contro Israele alla Corte internazionale di giustizia, con un crescente sostegno all’imposizione di sanzioni legali contro di esso. La sentenza della Corte internazionale di giustizia, così come le mobilitazioni di solidarietà di massa, le azioni di disturbo pacifiche e altre forme creative di pressione contro il genocidio di Israele trasmesso in live streaming hanno spinto stati, aziende e istituzioni in tutto il mondo ad agire:

  • La Bolivia ha sospeso completamente le relazioni diplomatiche con Israele, mentre Cile, Colombia, Ciad, Honduras, Turchia e Giordania hanno ridimensionato le relazioni con Israele.
  • L'Unione Africana ha di fatto sospeso lo status di osservatore di Israele. 
  • Il fondo pensione norvegese, il più grande del mondo, ha completamente disinvestito dalle obbligazioni israeliane (quasi 500 milioni di dollari).
  • Il 29 febbraio il presidente colombiano Gustavo Petro ha annunciato la sospensione totale degli acquisti di armi da Israele. 
  • Il 12 febbraio un tribunale olandese ha ordinato al governo di sospendere l’esportazione di parti di aerei da caccia F-35 verso Israele. 
  • Il governo regionale belga della Vallonia ha sospeso due licenze di esportazione di armi verso Israele. 
  • Il 29 febbraio il Partito socialista operaio spagnolo, il principale partito al potere in Spagna, ha votato in parlamento, insieme ad altri partiti, a favore dell'immediata sospensione del commercio di armi della Spagna con Israele. 
  • I vice primi ministri di Belgio e Spagna hanno chiesto di “sospendere il trattato di associazione dell'UE con Israele, imponendo un embargo generale sulle armi o addirittura imponendo sanzioni nell'ambito del regime globale di sanzioni sui diritti umani dell'UE” per costringere Israele ad accettare un cessate il fuoco a Gaza.
  • La Malesia ha impedito alle navi israeliane e alle navi dirette in Israele di utilizzare i suoi porti.
  • Il 1° marzo, il Nicaragua ha intentato una causa contro la Germania presso la Corte internazionale di giustizia ai sensi della Convenzione sul genocidio, accusandola di “facilitare il genocidio di Israele” contro i palestinesi e di complicità in altri suoi crimini, compreso l'apartheid.
  • Sempre il 1° marzo, oltre 200 politici e parlamentari di oltre 12 paesi hanno rilasciato una dichiarazione in cui si impegnavano ad “un’azione immediata e coordinata” nei loro parlamenti per impedire ai loro paesi di armare Israele.
  • Il leader dell'UE Josep Borrell, dopo aver rilasciato in precedenza dichiarazioni che avevano dato il via libera al genocidio di Israele, ha recentemente invitato gli alleati di Israele, in particolare gli Stati Uniti, a smettere di armarlo. 
  • La Federcalcio dell'Asia occidentale ha chiesto alla FIFA di sospendere l'adesione di Israele. 

Alcune grandi aziende stanno anche agendo per aggirare la responsabilità penale per complicità nel genocidio. Il 5 febbraio, Itochu Aviation, una divisione della giapponese Itochu Corporation, e Nippon Aircraft Supply Co. hanno messo fine alle rispettive partnership con Elbit Systems, il principale produttore di armi israeliano, citando esplicitamente la sentenza della Corte internazionale di giustizia. 

Stati e aziende a parte, secondo esperti di diritto internazionale anche alti funzionari governativi potrebbero essere ritenuti penalmente responsabili per la loro complicità nel genocidio in seguito alla sentenza della Corte internazionale di giustizia.

L'accertamento della plausibilità del genocidio da parte della Corte internazionale di giustizia mette in guardia con urgenza stati, istituzioni, aziende e funzionari: fermare la complicità con il genocidio a Gaza da parte di Israele o essere ritenuti penalmente responsabili. Fino a quando Israele non porrà fine al genocidio e non adempierà pienamente ai suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale, gli stati unilateralmente, a livello regionale e collettivamente presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA), nel quadro della riconvocazione della 10a Sessione di Emergenza dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nell’ambito della procedura Uniting for Peace, devono:  

  1. Imporre sanzioni economiche legali e proporzionate e altre contromisure nei confronti di Israele, in particolare un embargo militare bilaterale; annullare gli accordi di libero scambio, di cooperazione e sull’energia; vietare le merci provenienti da aziende implicate negli insediamenti illegali di Israele; ecc., e approvare una risoluzione dell'Assemblea generale in tal senso. 
  2. Agire immediatamente per espellere Israele dai consessi internazionali, tra cui l’UNGA (e altri organismi delle Nazioni Unite come l’ECOSOC), il Comitato Olimpico Internazionale, la FIFA e altri, come è stato fatto per il Sudafrica dell’apartheid. 
  3. Gli stati parti della Corte Penale Internazionale (CPI) devono fare pressione sul Procuratore affinché porti avanti rapidamente le indagini su tutti i crimini di guerra, i crimini contro l’umanità e gli atti di genocidio compiuti da autori israeliani contro il popolo palestinese, ed emetta immediatamente mandati di arresto davanti alla Corte dal 2014. 
  4. Arrestare e perseguire, anche applicando la giurisdizione universale, i funzionari israeliani che hanno compiuto atti di genocidio contro i palestinesi, istigato o sostenuto il genocidio.
  5. Garantire che le entità aziendali e le istituzioni domiciliate nel loro territorio o sotto la loro giurisdizione cessino e desistano dal sostenere il genocidio di Israele e altri crimini ai sensi del diritto internazionale, compreso l'apartheid, e li ritengano responsabili di qualsiasi complicità. 
  6. Unirsi al vasto e crescente numero di stati del Sud del mondo che sostengono il caso di genocidio del Sudafrica contro Israele presso la Corte internazionale di giustizia.

Fonte: Anti-Apartheid Movement

Traduzione di BDS Italia

Mentre inizia il Ramadan, il sistema di monitoraggio della fame delle Nazioni Unite, Integrated Food Security Phase Classification, ha lanciato l’allarme riguardo alla carestia a Gaza confermando che “questa è la percentuale più alta di persone che affrontano alti livelli di insicurezza alimentare acuta classificata finora dall’iniziativa IPC per una determinata area o paese”.

Il genocidio da parte di Israele trasmesso in live streaming contro 2,3 milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza occupata e assediata è ormai entrato nel suo sesto mese, uccidendo oltre 30 000 palestinesi, tra cui 13 000 bambini, portando oltre mezzo milione sull’orlo della carestia e rendendo Gaza in gran parte inabitabile. Usando la fame come arma di guerra, Israele ha severamente limitato la fornitura di aiuti alla regione settentrionale di Gaza, esacerbando la già terribile situazione. 

Allo stesso tempo, il governo di estrema destra dell’Israele dell’apartheid sta imponendo severe restrizioni ai palestinesi nella Cisgiordania occupata impedendo loro di raggiungere il complesso della moschea di al-Aqsa, il Nobile Santuario situato nella Città Vecchia di Gerusalemme occupata, durante questo mese sacro. 

Porre fine a ogni complicità statale, aziendale e istituzionale con il regime genocida di Israele è quindi più urgente che mai. Intensifichiamo le campagne spontanee e facciamo uno sforzo consapevole per rafforzare le campagne globali di boicottaggio dei prodotti delle aziende complici (israeliane e internazionali). Non si tratta solo di sostenere una giusta causa; si tratta di partecipare attivamente alla fine del sistema genocida che opprime e uccide il nostro popolo. 

Mentre milioni di persone in tutto il mondo interrompono il digiuno durante il Ramadan, ricordate quelli di Gaza la cui fame indotta rimane ininterrotta. Impegniamoci a:

  • Boicottare i datteri israeliani: non interrompete il digiuno con i datteri israeliani, coltivati su terra palestinese rubata e con acqua rubata. Controllate sempre l'etichetta e non acquistare datteri prodotti o confezionati in Israele o nei suoi insediamenti in Cisgiordania. Se sulla confezione non è riportato alcun paese di origine, controllate il sito web del rivenditore. (Altre informazioni possono essere trovate qui)
  • Boicottare tutta la frutta e la verdura israeliana: le principali esportazioni israeliane, coltivate su terre palestinesi rubate, includono avocado, erbe aromatiche e peperoni colorati. Controllate il paese di origine. Boicottate tutti i prodotti provenienti dall’Israele dell’apartheid nel vostro supermercato e chiedete che vengano rimossi dagli scaffali.
  • #BoycottCarrefour: Carrefour favorisce il genocidio. Incrementiamo il boicottaggio durante il Ramadan finché non porrà fine alla sua complicità con l'apartheid israeliana. Carrefour-Israel ha sostenuto i soldati israeliani che hanno preso parte al genocidio dei palestinesi a Gaza con doni di pacchi personali, mentre Carrefour France ha mantenuto il silenzio al riguardo. Nel 2022, Carrefour ha avviato una partnership con la società israeliana Electra Consumer Products e la sua controllata Yenot Bitan, entrambe coinvolte in gravi violazioni dei diritti umani contro il popolo palestinese.
  • #BoycottMcDonalds: l'affiliato israeliano del marchio ha donato pasti e bevande al personale militare israeliano responsabile del genocidio contro i palestinesi a Gaza e ha promosso questa forma di complicità estremamente provocatoria e razzista sui canali dei propri social media. Intensifichiamo il boicottaggio di McDonald's in tutto il mondo durante il Ramadan fino a quando non rescinderà il suo accordo con il suo affiliato israeliano a causa del suo sostegno ai crimini di guerra, ai crimini contro l'umanità e al genocidio di Israele.
  • Boicottare le aziende complici che sono rimaste in silenzio quando la loro filiale/affiliata in Israele ha sostenuto il genocidio e tutte le aziende che hanno consentito il genocidio contro il nostro popolo a Gaza. (Per maggiori informazioni vedere qui)

Facciamo che questo Ramadan sia un momento di azione e di solidarietà significativa con gli oppressi. Condividete il messaggio, aumentare la consapevolezza e unitevi a milioni di persone in tutto il mondo nell’impegno a intensificare il boicottaggio delle aziende complici che traggono profitto dal genocidio.

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia

Domenica 26 novembre alla scuola Holden di Torino si è svolto un incontro con lo storico di fama internazionale Ilan Pappé, intellettuale israeliano che ha dato un importante contributo alla letteratura internazionale, ha scritto diversi libri sulla storia dell'occupazione in Palestina come " La pulizia etnica della Palestina".
"I palestinesi hanno tentato qualunque via possibile per sopravvivere: lotta violenta, lotta nonviolenta, richieste di supporto e intervento alla comunità internazionale. Stanno facendo tutto quello che è loro possibile per sopravvivere. E questo è il contesto più importante da tenere a mente quando si analizzano gli avvenimenti del 7 ottobre 2023."

Si ringraziano gli organizzatori dell'evento: BDS Torino e Progetto Palestina. Il video è stato prodotto da Invictapalestina con la traduzione di Ilaria Zomer.

 

 

I palestinesi chiedono di fare la massima pressione per fermare il genocidio e smantellare l’apartheid.

La Corte internazionale di giustizia (CIG) oggi ha fatto la storia. Ha confermato la plausibilità dell’accusa del Sudafrica ai sensi della Convenzione sul genocidio secondo cui “Israele si è impegnato, si sta impegnando e rischia di impegnarsi ulteriormente in atti di genocidio contro il popolo palestinese a Gaza”. Ordina a Israele di prevenire qualsiasi atto genocida, di impedire ai suoi militari di commettere tali atti e di garantire l’ingresso di cibo, acqua, medicine e altri bisogni umanitari nella Striscia di Gaza occupata e assediata.

Il Comitato di coordinamento anti-apartheid palestinese (PAACC), che comprende il Dipartimento anti-apartheid dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), il Comitato anti-apartheid del Consiglio nazionale palestinese (PNC), il movimento BDS, il Consiglio dell’Organizzazione palestinese per i diritti umani (PHROC) e la Rete delle ONG palestinesi (PNGO), accoglie con entusiasmo la storica decisione della Corte internazionale di giustizia. Le decisioni della Corte internazionale di giustizia sono definitive, vincolanti e non soggette ad appello, e tutti gli stati devono rispettare i loro obblighi legali adottando unilateralmente e collettivamente tutte le misure possibili per garantire urgentemente e definitivamente che Israele rispetti la decisione della Corte e attui pienamente e senza ritardi le misure provvisorie ordinate.

Mentre la Corte non è riuscita a ordinare esplicitamente un cessate il fuoco immediato e permanente per fermare il genocidio, ora più che mai gli stati devono essere sottoposti a pressioni affinché adempino ai loro obblighi legali e impongano a Israele un cessate il fuoco. 

La decisione della Corte internazionale di giustizia affida ora una maggiore responsabilità legale, e morale, sulle spalle degli stati che rispettano il diritto internazionale, della società civile e delle persone di coscienza in tutto il mondo per porre fine al genocidio in corso da parte di Israele e per contribuire a smantellare il sistema di oppressione sottostante. 

Tutti gli stati, le aziende, le istituzioni, i media, che sono complici con qualsiasi aspetto del regime israeliano di colonialismo di insediamento, apartheid e occupazione militare, in vigore da 75 anni, devono porre fine immediatamente a questa complicità ed essere ritenuti responsabili per il loro aiuto e il loro sostegno a crimini di guerra, crimini contro l’umanità e, plausibilmente, genocidio. Gli stati terzi che hanno consapevolmente fornito armi, materiali e altro sostegno a Israele da utilizzare in crimini atroci, compreso il genocidio, devono essere ritenuti responsabili per avere contribuito ad atti illeciti a livello internazionale e a violazioni delle norme di diritto cogente nell’ambito del diritto internazionale. 

A seguito della storica decisione della Corte internazionale di giustizia secondo cui Israele sta plausibilmente commettendo un genocidio, e dato che gli stati parti della Convenzione sul genocidio hanno un obbligo erga omnes di prevenire e punire il crimine di genocidio, devono:

  • Imporre un embargo militare bilaterale a Israele, adoperarsi per adottare un embargo obbligatorio sulle armi nei suoi confronti presso le Nazioni Unite e adottare altre misure punitive per prevenire e reprimere i suoi atti di genocidio e porre fine alla fornitura di sostegno economico e diplomatico.
  • Imporre sanzioni economiche legittime e proporzionate e altre contromisure a Israele, inclusa la cancellazione di tutti gli accordi di libero scambio e di cooperazione, finché non adempirà ai suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale. 
  • Agire immediatamente per espellere Israele dalle sedi internazionali, tra cui l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il Comitato Olimpico Internazionale, la FIFA e altri, come è avvenuto nel caso del Sudafrica dell’apartheid. 
  • Gli stati parte della Corte penale internazionale (CPI) devono fare pressione sul Procuratore affinché porti avanti rapidamente le indagini su tutti i crimini di guerra, i crimini contro l’umanità e gli atti di genocidio compiuti da autori israeliani contro il popolo palestinese, e emetta immediatamente e senza ulteriori ritardi mandati di arresto per le denunce presentate alla Corte, dal 2014. Devono inoltre garantire che la Corte disponga di tutte le risorse per garantire la fattibilità delle indagini sulla situazione in Palestina.
  • Arrestare e perseguire, anche applicando la giurisdizione universale, cittadini israeliani, compresi funzionari governativi, o persone presenti sul loro territorio o nella loro giurisdizione, che hanno incitato al genocidio, sostenuto il genocidio o compiuto atti di genocidio contro il popolo palestinese.
  • Agire secondo la propria responsabilità per garantire che le entità e le istituzioni aziendali domiciliate nel loro territorio o sotto la loro giurisdizione cessino di agevolare e sostenere il genocidio che sta commettendo Israele e altri crimini ai sensi del diritto internazionale, compreso il crimine contro l’umanità di apartheid contro il popolo palestinese. 
  • Unirsi al vasto e crescente numero di stati del Sud del mondo nel sostenere il ricorso per genocidio del Sudafrica contro Israele presso l'CIG.

L’ordine di misure provvisorie può contribuire alla protezione dei diritti dei palestinesi da “ulteriori, gravi e irreparabili danni” come richiesto dal Sud Africa. Se attuate, le misure potrebbero fermare il grave danno causato dal genocidio da parte di Israele contro 2,3 milioni di palestinesi, ma anche quando gli incessanti bombardamenti israeliani sui civili e sulle infrastrutture civili finiranno, la carestia e le malattie infettive che si stanno diffondendo a Gaza a causa dell’assedio mortale e della distruzione di case da parte di Israele continueranno a devastare i palestinesi. Gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno avvertito che tutti i palestinesi di Gaza, metà dei quali bambini, soffrono la fame e oltre mezzo milione sta “morendo di fame”. 

C’è ancora molto da fare per affrontare le cause profonde della Nakba palestinese in corso. “Gli atti genocidi di Israele”, come ha affermato il Sudafrica davanti alla Corte Internazionale di Giustizia, devono essere intesi “nel contesto più ampio dei 75 anni di apartheid di Israele, dei 56 anni di occupazione e dei 16 anni di assedio imposti alla Striscia di Gaza”. La violenza coloniale di Israele dal 1948, ha affermato il Sudafrica, “ha sistematicamente e con la forza espropriato, sfollato e frammentato il popolo palestinese, negandogli deliberatamente il diritto, inalienabile e riconosciuto a livello internazionale, all’autodeterminazione e il diritto, riconosciuto a livello internazionale” al ritorno dei profughi alle loro città e ai loro villaggi, in quello che oggi è lo Stato d’Israele”.  

Nell’appello unificato contro l’apartheid palestinese del 2023, i palestinesi hanno affermato che “lo smantellamento del regime israeliano di colonialismo di insediamento e apartheid è una condizione indispensabile affinché il popolo palestinese possa esercitare tutti i suoi diritti legittimi e inalienabili, come previsto dal diritto internazionale”. 

Il popolo palestinese sa fin troppo bene che solo attraverso il potere popolare, l’unità e la mobilitazione possiamo ottenere giustizia ed essere in grado di esercitare i nostri diritti inalienabili. Chiediamo alle persone di tutto il mondo di cogliere questo momento, risultato della sentenza della Corte internazionale di giustizia, e di rispondere all’appello unificato palestinese “per rafforzare la crescente solidarietà con il popolo palestinese e la nostra giusta causa sostenendo, e partecipando attivamente, al movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) guidato dai palestinesi”.

La giustizia è l’unica soluzione accettabile. Qualsiasi azione o sforzo diplomatico che non sia incentrato sulla fine e sulla punizione del genocidio, dei crimini contro l’umanità, dei crimini di guerra e delle violazioni dei diritti umani di Israele, così come sulla fine di ogni tipo di complicità internazionale, equivale a perpetuare l’impunità, l’ingiustizia e l’oppressione del nostro popolo, smantellando ulteriormente lo stato di diritto internazionale.

Fonte:Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia