LIBERTÀ. GIUSTIZIA. UGUAGLIANZA.

Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni per i diritti del popolo palestinese.

Notizie BDS

Notizie internazionali del movimento globale BDS.

Nel 2022, i palestinesi hanno affrontato uno degli anni più sanguinosi mai registrati. Tuttavia, nonostante l'intensificarsi della repressione, dei massacri e della pulizia etnica dei palestinesi autoctoni da parte di Il regime israeliano di apartheid, la solidarietà con la nostra lotta di liberazione ha raggiunto nuove vette. 

Mentre lavoriamo per un movimento anti-apartheid ampio, globale e guidato dai palestinesi, diamo uno sguardo indietro ad alcuni punti salienti della nostra lotta per i diritti dei palestinesi nella seconda metà del 2022.

Ecco 30 punti salienti di questa solidarietà senza precedenti:

1. Artisti e organizzazioni artistiche si sono ritirati in massa dal prestigioso Sydney Festival a causa della sua collaborazione con il regime israeliano di apartheid.

2. HPE ha concluso il contratto di fornitura di server per l'informatizzazione del database della popolazione israeliana, noto come Aviv System, un pilastro dell'apartheid. La campagna #BoycottHP continua, tuttavia, per costringere la multinazionale a porre fine alla sua continua complicità con la polizia israeliana e i servizi penitenziari.

3. Diversi autori arabi del Kuwait, dell'Oman e dell'Arabia Saudita si sono ritirati dal "Emirates Airline Festival of Literature", che è stato un chiaro tentativo di mascherare le atrocità dei diritti umani del regime degli Emirati Arabi Uniti e di normalizzare la sua spudorata alleanza di sicurezza militare con il regime israeliano di apartheid.

4. Il Future Fund australiano ha escluso gli investimenti in Elbit Systems, la più grande compagnia di armi privata del regime israeliano di apartheid.

5. Il relatore speciale delle Nazioni Unite Michael Lynk ha confermato che Israele sta perpetrando il crimine contro l'umanità di apartheid. Ad aprile, cinque esperti di diritti umani delle Nazioni Unite hanno approvato questa conclusione.

6. Attivisti provenienti da 21 paesi africani si sono riuniti a Dakar per la prima conferenza panafricana contro l'apartheid a sostegno della liberazione della Palestina, organizzata dal Pan-African Palestine Solidarity Network (PAPSN). I partecipanti si sono impegnati a impegnarsi fino allo smantellamento dell'apartheid israeliana. 

7. Gli atleti e le squadre arabe e internazionali provenienti da Kuwait, Giordania, Libano, Algeria, Iran e Spagna si sono rifiutati di normalizzare l'apartheid israeliana e hanno denunciato l'ipocrisia dell'azione selettiva da parte di organismi sportivi internazionali dominati dall'Occidente.

8. La squadra di calcio argentina ha annullato una partita "amichevole" programmata in Israele, dopo una campagna pubblica e una lettera aperta della squadra di calcio palestinese Al Khader.

9. La CUNY Law School (Scuola di diritto statunitense, NdT) ha avallato all'unanimità il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS),  unendosi a centinaia di dipartimenti accademici, programmi, sindacati e società in tutto il mondo che si battono per i diritti dei palestinesi e chiedono di porre fine alla complicità con l'apartheid israeliana.

10. Il comitato editoriale di Harvard Crimson ha avallato il movimento BDS a guida palestinese e 50 membri della facoltà di Harvard si impegnano a sostenerlo.

11. Una delegazione del clero sudafricano in rappresentanza del Consiglio ecumenico delle chiese, del Consiglio sudafricano delle chiese e dell'Alleanza evangelica del Sudafrica ha lanciato un appello alle comunità e istituzioni cristiane, nonché ai governi, affinché riconoscano e denuncino le politiche israeliane come apartheid e pongano fine a tutto il sostegno all'apartheid israeliana.

12. General Mills ha annunciato la vendita della sua partecipazione nella sua joint venture nell’Israele dell’apartheid, dopo diversi anni di pressioni del movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) .

13. La più grande federazione sindacale norvegese (LO Norge), con quasi 1 milione di membri, ha dichiarato il proprio sostegno al boicottaggio del regime israeliano di apartheid e ha invitato la Norvegia a sostenere #UNinvestigateApartheid.

14. Una storica mozione è stata approvata all'unanimità dal Consiglio latinoamericano delle scienze sociali (CLACSO) che sostiene l'appello palestinese a boicottare le istituzioni accademiche israeliane complici del regime israeliano di occupazione militare, colonialismo e apartheid.

15. Il Parlamento della Catalogna ha approvato una risoluzione che lo rende il primo parlamento in Europa a riconoscere che Israele sta commettendo il crimine di apartheid contro il popolo palestinese. Nella stessa settimana, il partito politico polacco "Razem" ha riconosciuto Israele come stato di apartheid e ha appoggiato il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS).

16. La band statunitense Big Thief ha annunciato la cancellazione dei suoi due concerti in programma al Barby di Tel Aviv dopo aver ascoltato gli appelli di migliaia dei loro fan.

17. Il Comitato organizzatore del Lisbon Pride ha rifiutato la partecipazione dell'ambasciatore del regime israeliano di apartheid alla marcia di quest'anno.

18. A seguito di una campagna molto efficace durata mesi, guidata da gruppi locali uruguaiani, e lettere da parte di squadre di calcio palestinesi, comprese quelle i cui giocatori hanno perso vite e arti a causa dei proiettili israeliani, la squadra nazionale di calcio dell'Uruguay ha annullato l'allenamento per la Coppa del Mondo in Israele.

19. Centinaia di #MusiciansForPalestine hanno approvato il nostro appello a boicottare il settore culturale complice del regime israeliano di apartheid.

20. Il sindacato australiano National Tertiary Education Union ha votato per sostenere il diritto dei suoi 26.000 membri a impegnarsi nel movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) per i diritti dei palestinesi, per rifiutare i tour sponsorizzati dal governo israeliano e per opporsi all'adozione di politiche che proibiscono la critica a Israele, inclusa la definizione dell'IHRA.

21. Dopo aver ascoltato fan, colleghi artisti e difensori dei diritti umani, il duo messicano di chitarre acustiche, Rodrigo y Gabriela, ha cancellato il suo concerto a Tel Aviv. Ciò è avvenuto poche ore prima che il regime israeliano di apartheid lanciasse il suo brutale assalto alla Striscia di Gaza assediata, uccidendo più di 40 palestinesi, tra cui 15 bambini, e ferendone centinaia.

22. Due aziende di Oman e Kuwait si sono ritirate dal Bahrain Air Show del 2022 che ha dato a sei aziende israeliane l'opportunità di promuovere armi e tecnologia "testate sul campo", cioè, sui palestinesi.

23. Il movimento di solidarietà con la Palestina ha vinto un altro premio Nobel: l'autrice francese Annie Ernaux ha vinto il premio Nobel per la letteratura. È una sostenitrice della nostra lotta nonviolenta per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza dei palestinesi e sostiene misure di grande impatto per tenere conto del regime di apartheid israeliano e delle istituzioni culturali complici.

24. Sempre in Francia, 38 deputati hanno presentato in parlamento una risoluzione “condannando l'istituzionalizzazione da parte di Israele di un regime di apartheid contro il popolo palestinese”.

25. Dopo un anno di impegno con gruppi locali di base e fan club, tra cui l'Arab Resource & Organizing Center (AROC) e La Brigada Del Pueblo, l’Oakland Roots Sports Club è diventato la prima squadra sportiva statunitense ad ascoltare l'appello palestinese ad abbandonare PUMA .

26. Sempre negli Stati Uniti, il consiglio degli studenti universitari della Case Western Reserve University ha votato per disinvestire da aziende complici dell'apartheid israeliana, tra cui Elbit Systems, HP, PUMA, AXA e G4S.

27. A seguito di un approfondito processo di consultazione, l'Unione studentesca dell'Università di Melbourne, che rappresenta 30.000 studenti, ha approvato il sostegno al movimento palestinese di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) compreso il boicottaggio delle istituzioni accademiche israeliane complici. L'UMSU ha così mantenuto la sua "tradizione, lunga 130 anni, di lotta per i diritti umani".

28. Sei artisti queer e trans con sede negli Stati Uniti hanno rifiutato un lavoro redditizio con la campagna Pride di PUMA in solidarietà con l'appello palestinese a boicottare PUMA per la sua complicità nell'apartheid israeliano. Queer|Art, l'organizzazione con cui lavorano questi artisti, si è schierata con loro e ha approvato il sostegno al movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS).

29. In solidarietà con i palestinesi, diversi artisti si sono ritirati dal festival Pop Kultur di Berlino a causa della sua collaborazione con il regime israeliano di apartheid.

30. Centinaia di cineasti israeliani si sono impegnati a boicottare il cosiddetto Shomron/Samaria Film Fund, affermando che “è parte integrante dei meccanismi di apartheid”.

Questi impatti del movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) sono solo un'istantanea di dove ci troviamo oggi. Grazie al tuo sostegno, il nostro movimento BDS ha continuato a crescere in portata e impatto nel 2022. Unisciti a noi nel 2023 mentre marciamo verso la libertà, la giustizia e l'uguaglianza e nella nostra lotta per #DismantleApartheid!

Comitato Nazionale Palestinese per il BDS (BNC)

CAMPAGNA PER FERMARE IL COMMERCIO CON GLI INSEDIAMENTI ILLEGALI NEI TERRITORI OCCUPATI DELLA PALESTINA

Care compagne e cari compagni,

La situazione in Palestina ed Israele è sempre più grave. Si susseguono omicidi e violazioni dei Diritti umani da parte della potenza occupante, senza che la cosiddetta “Comunità internazionale” si muova. Al contrario, anche da parte dell’Unione Europea si continuano ad avere 2 pesi e 2 misure nei confronti di uno Stato, quello israeliano, “in cui vige l’Apartheid”, secondo Amnesty International.  

Di fronte a questi fatti, c’è bisogno di un rinnovato impegno a fianco della popolazione palestinese e dei settori più avanzati della società israeliana. Un impegno che rompa il silenzio, le complicità e gli affari degli insediamenti illegali dei coloni israeliani.

Tra le tante iniziative internazionali, vi segnaliamo questa importante Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) per chiedere una legge che metta fine “al commercio con gli insediamenti” da parte dell’Unione Europea. Come dice lo stesso appello delle forze che lo promuovono, si tratta di “regolare le transazioni commerciali con soggetti di Paesi occupanti basati o operanti in territori occupati impedendo l'entrata nel mercato dell'UE di prodotti provenienti da tali luoghi.

Infatti, sebbene gli insediamenti illegali costituiscano un crimine di guerra, la UE permette il commercio con loro. Questo commercio favorisce i profitti derivanti dall’annessione e contribuisce all’espansione di insediamenti illegali nel mondo. Noi chiediamo una legge della UE che metta fine al commercio con gli insediamenti illegali una volta per tutte”.

Il nostro Partito, da sempre impegnato in battaglie internazionaliste, appoggia la petizione.

L’Italia ha l’obiettivo di raccogliere 55.000 firme entro la fine dell’anno. Vi chiediamo quindi di firmare e fare firmare questa Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) nel più breve tempo possibile, nonché di diffonderla ampiamente. 

Nel link sotto trovate le indicazioni per le firme.

https://stopsettlements.org/italian/ 

Un abbraccio e buon lavoro

Maurizio Acerbo, Segretario nazionale PRC-SE

Marco Consolo, Resp.le Area Esteri e Pace PRC-SE

 Fonte: Partito della Rifondazione Comunista

La campagna internazionale di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) per i diritti dei palestinesi, e il suo rappresentante in Francia, la Campagna BDS Francia, si congratulano vivamente con l'autrice francese Annie Ernaux per aver vinto il prestigioso Premio Nobel per la letteratura 2022.

Ci uniamo a molti per celebrare questo riconoscimento distinto della creatività e dell'abilità letteraria di Ernaux, nonché per il suo impegno di principio a combattere l'oppressione su scala globale, compreso il suo sostegno alla lotta non violenta per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza dei/delle palestinesi.

Il coraggioso sostegno di Ernaux a misure efficaci per chiedere conto al regime israeliano di apartheid e alle sue istituzioni culturali complici è notevole. Questo è un forte indicatore della sua coerenza etica nella comprensione e nell'esercizio della responsabilità degli intellettuali per porre fine alla complicità nell'oppressione. Incarna il famoso principio enunciato dal defunto arcivescovo sudafricano Desmond Tutu, vincitore del premio Nobel per la pace nel 1984: "Se sei neutrale in situazioni di ingiustizia, hai scelto la parte dell'oppressore."

In particolare, Alfred Nobel ha dichiarato che il premio Nobel per la letteratura dovrebbe premiare un'opera che rende servizio all'umanità e "dimostra un potente ideale." L'opera letteraria e di giustizia sociale di Annie Ernaux corrisponde perfettamente a questa definizione.

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia

In una lettera aperta, oltre 55 organizzazioni palestinesi ed europee della società civile chiedono che l'UE revochi la sua decisione di rinnovare il Consiglio di associazione UE-Israele che darà il via libera alle violazioni israeliane.

Egregio signor Josep Borrell, Alto rappresentante della politica estera e di sicurezza dell'UE, 

Cari Ministri degli Affari Esteri europei, 

Le sottoscritte organizzazioni della società civile palestinese ed europea le indirizzano questa lettera per esprimere la nostra profonda preoccupazione per la decisione di rinnovare il Consiglio di associazione UE-Israele (di seguito "Consiglio di associazione"), che cerca di riprendere il dialogo formale e rafforzare la cooperazione con Israele e i problematicissimi “Accordi di Abramo”.

La presidente della Commissione UE Von Der Leyen nella sua ultima visita nella regione ha dichiarato  a proposito di Israele: "La nostra cultura e i nostri valori condivisi hanno creato una profonda connessione tra Europa e Israele... il legame più forte che condividiamo è la nostra fede nella democrazia e nei valori democratici". I doppi standard applicati dagli europei nei confronti delle persone che affrontano l'occupazione militare, l'annessione e i crimini di guerra è evidente e insopportabile per i palestinesi. Oggi più che mai i principi e i valori fondanti della libertà e della giustizia che hanno plasmato l'ordine internazionale e adottati dall'Unione Europea devono essere applicati e mantenuti ovunque.  

Invece, il Consiglio di associazione normalizzerà ulteriormente le pratiche autoritarie e oppressive invece dei valori democratici e dei diritti umani, e ometterà le radicanti violazioni del diritto internazionale che vengono commesse contro il popolo palestinese.

Il Consiglio di associazione dovrebbe riunirsi di nuovo in un momento in cui Israele ha intensificato i suoi attacchi contro il popolo palestinese, compresi i cittadini europei. Già 94 palestinesi sono stati uccisi dall'esercito israeliano nella Cisgiordania occupata dall'inizio dell'anno, senza che nessuno sia ritenuto responsabile. Negli ultimi mesi, l'esercito israeliano ha invaso ripetutamente campi profughi palestinesi e città tra cui Jenin e Nablus nella Cisgiordania occupata, uccidendo più di 27 palestinesi nella sola Jenin. Tali incursioni illegali hanno portato all'uccisione mirata della giornalista Shireen Abu Akleh nel maggio 2022, la cui famiglia continua a chiedere giustizia e responsabilità. 

Il 4 maggio, l'Alta Corte israeliana ha dato il via libera agli ordini di espulsione di massa di oltre 1.300 palestinesi in otto comunità a Masafer Yatta, nel sud della Cisgiordania occupata, e le demolizioni sono già iniziate, aprendo la strada a ulteriori furti di terre e l'annessione israeliana. Questi ordini rappresentano la più grande operazione di espulsione effettuata da Israele dal 1967. Da allora, l'UE e i suoi Stati membri hanno regolarmente ribadito l'illegalità sia delle operazioni di espulsione che dell'impresa di colonizzazione israeliana costruita su terra palestinese rubata, ma in pratica non rispettano i propri obblighi ai sensi del diritto internazionale.

Inoltre, l'UE è il principale partner commerciale di Israele e, consentendo alle società europee, ai governi e alle istituzioni finanziarie di continuare a commerciare con gli insediamenti illegali israeliani, l'UE non solo sostiene, ma incoraggia l'esistenza stessa di questi crimini di guerra, finanziando ulteriormente il furto israeliano della terra e delle risorse naturali palestinesi. 

Israele ha anche intensificato in modo significativo il suo attacco alle organizzazioni della società civile palestinese, quando il 18 agosto i suoi militari hanno invaso la città di Ramallah, hanno fatto irruzione, saccheggiato e chiuso con la forza gli uffici di sette organizzazioni della società civile palestinese, criminalizzate da Israele che ha dichiarato che sei di loro erano illegali nell'ottobre 2021. Questa mossa segue decenni di sforzi concertati per screditarle, togliere loro i finanziamenti e mettere a tacere il loro lavoro cruciale nell'esporre i crimini israeliani e nel promuoverne la responsabilità. Mentre nove Stati membri dell'UE hanno respinto la criminalizzazione in una dichiarazione congiunta e si sono impegnati a continuare a finanziare e collaborare con la società civile palestinese, l'UE non è riuscita a proteggere in modo significativo le organizzazioni e il loro personale. La cittadina spagnola Juana Ruiz Rishmawi è stata detenuta arbitrariamente per 10 mesi, semplicemente per aver lavorato per una delle organizzazioni della società civile palestinese sotto gli attacchi israeliani e Salah Hammouri, avvocato franco-palestinese che lavora con Addameer, è ancora detenuto arbitrariamente.

Nel giugno 2022 la Striscia di Gaza ha segnato 15 anni di blocco e chiusura di aria, mare e terra soffocanti. Tra il 5 e il 7 agosto 2022, Israele ha condotto un'offensiva militare non provocata contro Gaza, conducendo una serie di pesanti attacchi aerei su aree densamente popolate e prendendo di mira deliberatamente i civili e le loro case. Durante l'offensiva di 3 giorni, 49 palestinesi sono stati uccisi, tra cui 4 donne e 17 bambini, mentre altri 360 sono rimasti feriti, di cui 151 bambini e 58 donne.

L'UE ha anche firmato un nuovo accordo sul gas con Israele e l'Egitto nell'ambito delle politiche che mirano a semplificare gli "Abraham Accords" molto problematici nell'approccio dell'UE con il suo vicinato e a integrare Israele nella strategia di approvvigionamento energetico dell'UE. Israele ha sistematicamente impedito ai palestinesi l'accesso al gas al largo della costa di Gaza, pur mantenendo il blocco e promuovendo le proprie esportazioni di gas. Il nuovo accordo sul gas è tra i nuovi progetti politici dell'UE per il vicinato meridionale che cercano di snellire gli "Abraham Accords", servendo interessi autoritari e minando ulteriormente il diritto dei popoli all'autodeterminazione.

Questa è la realtà dalla quale le decisioni dell'UE sono disconnesse. L'approfondimento del dialogo UE-Israele, per quanto franco alcuni Stati membri dell'UE desiderano che sia, piuttosto che ritenere Israele responsabile attraverso azioni significative, continua a trattare Israele come un attore in buona fede e non come un "occupante in malafede", come accuratamente descritto dall'ex relatore speciale delle Nazioni Unite Michael Lynk.

Invece di permettere a Israele di consolidare la sua impresa coloniale e il regime dell'apartheid, premiandolo con un'ulteriore cooperazione economica e il commercio di attrezzature e tecnologie militari dannose, l'UE e i suoi Stati membri hanno l'obbligo e l'interesse di ritenere Israele responsabile e porre fine a impunità.

Esortiamo quindi l'UE a rivedere la sua decisione di rilanciare la riunione del Consiglio di associazione, fermare l'accordo sul gas recentemente firmato e rivedere i suoi programmi di cooperazione bilaterale, per mettere Israele di fronte ai suoi crimini persistenti e alle violazioni dei diritti umani commesse contro il popolo palestinese

Firmatari palestinesi:

Addameer Prisoner Support and Human Rights Association
Al-Haq 
The Palestine Institute for Public Diplomacy 
The Palestine Initiative for the Promotion of Global Dialogue and Democracy - MIFTAH
The Freedom Theatre
Applied Research Institute - Gerusalemme (ARIJ)
Burj alluqluq Social Center Society
The Jerusalem Human Rights Consortium
Centro di cura e riabilitazione per le vittime della tortura 
Centro Al Mezan per i diritti umani
Federazione generale dei lavoratori palestinesi
PNGO
Centro per la difesa delle libertà e dei diritti civili "HURRYYAT"
QADER per lo sviluppo comunitario
Campagna Stop the Wall   
Comitati dell'Unione del lavoro agricolo UAWC
Centro Bisan per la ricerca e lo sviluppo  
Centro femminile per l'assistenza legale e la consulenza

Firmatari a livello europeo e dell'UE: 

The Rights Forum
Ireland-Palestine Solidarity Campaign
Rete sindacale europea per la giustizia in Palestina
European Legal Support Centre (ELSC)
Coordinamento europeo di comitati e associazioni per la Palestina - ECCP
Association belgo-palestinienne WB
Association des Universitaires pour le Respect du Droit International en Palestine ( AURDIP)
Comité pour une Paix Juste au Proche-Orient, Luxembourg 
Palestina Solidariteit vzw
Mezinárodní hnutí solidarietà ISM  
BDS Norvegia
BDS Francia
NOVACT Istituto Internazionale per l'Azione Nonviolenta
Rete Romana di Solidarietà con il popolo Palestinese
Jüdische Stimme für gerechten Frieden in Nahost
Gibanje za pravice Palestincev  
Trócaire
Piattaforma delle ONG francesi per la Palestina  
Comitato britannico per le università della Palestina (BRICUP)
Union syndicale solidaires
BDS Austria 
Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI)
BDS País valencià
Movimento socialista fiammingo (V-SB)
Nederlands Palestina Komitee
Paz con Dignidad  
The Palestine Solidarity Association in Sweden (PGS)
SADAKA 
Associazione Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese  
Polish Palestine Solidarity Campaign
Viva Salud  
Association France Palestine Solidarité (AFPS)
Iniciatíva za spravodlivý mier na Blízkom východe,
ISM BV (Iniziativa slovacca per una pace giusta in Medio Oriente) 
Rete Romana di Solidarietà con il popolo Palestinese 
Gibanje za pravice Palestincev 
AKULBI
BDS Grecia 
BDS Italia 
Coordinamento Campagna BDS Bologna 
BDS Roma       
Law for Palestine

Un gruppo di 47 eurodeputati  influenti ha chiesto  agli Stati membri europei e al capo della politica estera dell'UE Joseph Borell di annullare l'imminente riunione del Consiglio di associazione UE-Israele. La prima riunione del 

in 10 anni è ora confermata per il 6 ottobre a Praga. Leggi la loro lettera completa. 

Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

I partecipanti al festival danzeranno sulle rovine di un villaggio palestinese etnicamente ripulito.

I palestinesi invitano tutti i partecipanti internazionali al DGTL Tel Aviv 2022 (festival di musica house, techno e elettronica, N.d.T.) a ritirarsi, proprio come si sarebbero ritirati da un festival sudafricano durante l'apartheid.

I partecipanti al festival DGTL Tel Aviv danzeranno sulle rovine del villaggio palestinese di Jarisha, etnicamente pulito, che si terrà nello Yarkon Park a Tel Aviv .

Proprio il mese scorso, le forze israeliane hanno massacrato 47 palestinesi tra cui 17 bambini nella Striscia di Gaza assediata, a breve distanza da Tel Aviv.

Esibirsi al DGTL di Tel Aviv può solo cancellare con la musica i massacri dell'apartheid israeliana, la pulizia etnica e l'occupazione militare, indipendentemente dalle intenzioni. 

Diversi artisti si sono ritirati dalle edizioni 2018 e 2019 del festival dopo gli appelli dei difensori dei diritti umani palestinesi e internazionali.

Molti musicisti elettronici hanno sostenuto la nostra lotta per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza attraverso l'iniziativa  #DJsforPalestine.

Invitiamo tutti i partecipanti e i partner del festival DGTL Tel Aviv a ritirarsi. Se non puoi unirti alla nostra lotta, almeno non danneggiarla.

Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI)

Il Comitato nazionale per il BDS (BNC), la più ampia coalizione della società civile palestinese che guida il movimento globale BDS per i diritti dei palestinesi, denuncia l'UE per non aver costantemente rispettato la propria "clausola territoriale negli accordi con Israele"[1] che riguarda gli accordi e progetti energetici promossi e finanziati dall’UE con lo stato dell'apartheid.  

Interrogata da parlamentari europei sul protocollo d’intesa che riguarda le future esportazioni di gas verso l'Europa firmato con Israele ed Egitto a giugno [2], la Commissione europea ha ribadito ancora una volta la sua adesione alla clausola territoriale, adottata 10 anni fa. Il 28 luglio la Commissione ha chiarito che, sebbene il protocollo d'intesa non fosse vincolante, 

"... all'UE è severamente vietato, anche nell'attuazione di uno strumento non vincolante, agire in modo tale da riconoscere l'occupazione illegale israeliana", e che ciò "... comporta che le forniture israeliane di gas secondo l'attuazione del memorandum d'intesa potrebbe non provenire da risorse stanziate dai territori palestinesi occupati da Israele.” [3]

In pratica, tuttavia, l'UE sta riconoscendo e concedendo assistenza all'occupazione illegale israeliana cercando di facilitare l'accesso dell'Europa alle fonti di energia fossile israeliane attraverso iniziative che, secondo la progettazione, espropriano, saccheggiano e sfruttano le risorse naturali palestinesi nel territorio palestinese occupati, comprese le riserve di terra, acqua e gas. L'EuroAsia Interconnector, per esempio, la cui costruzione è promossa e finanziata dall'UE, con la consapevolezza che è progettata per includere e favorire gli insediamenti illegali di Israele. [4]

Inoltre, per quanto riguarda la prevista importazione europea di gas israeliano dall'impianto GNL egiziano, che è al centro del protocollo d'intesa firmato a giugno, l'UE chiude un occhio sul fatto che tali importazioni di gas israeliano si basano sull’esproprio e lo sfruttamento del mare adiacente alla Striscia di Gaza sotto assedio, dove i palestinesi detengono diritti sovrani sulle risorse naturali delle acque territoriali e sui fondali marini. Già oggi il gas israeliano raggiunge l'Egitto attraverso l'Ashkelon-Al Arish Pipeline, un gasdotto di 90 km che attraversa il Mar Mediterraneo a 13 miglia nautiche dalla costa di Gaza, violando i diritti sovrani palestinesi. [5]

Ai palestinesi non è stato chiesto il permesso né sono state offerte le dovute tasse di transito per l'uso di questo gasdotto nelle loro acque. L'oleodotto è una delle ragioni del blocco marittimo disumano e criminale imposto dall'apartheid israeliana contro gli oltre 2 milioni di palestinesi nella Striscia di Gaza occupata, compresi i ripetuti violenti attacchi israeliani ai pescatori palestinesi, causando morte e ferite a molti. 

L'ipocrisia energetica dell'UE deve essere smascherata e contestata. Gli accordi e i progetti dell'UE per l'importazione di gas fossile israeliano e di elettricità a base di gas fossile, attuati nell'ambito del protocollo d'intesa firmato nel giugno 2022 o in altro modo, promuovono l'occupazione illegale e il regime di apartheid di Israele sul popolo palestinese e sono, in quanto tali, incompatibili con i diritti umani e gli obblighi di diritto umanitario dell'UE e delle imprese del settore energetico.

D’altra parte, l'importazione di gas da Israele, in parte rubato ai palestinesi, non può contribuire sostanzialmente a risolvere l'attuale crisi energetica in Europa, poiché le riserve di gas israeliane accertate sono semplicemente troppo poche. Contribuiscono, però, ad aggravare l'emergenza climatica che ha colpito il continente durante l’ultima estate. 

Inoltre, questi accordi alimentano ulteriormente il già accresciuto rischio di conflitti armati nel Mediterraneo orientale, date le molteplici controversie sulle zone economiche esclusive e sui giacimenti di gas. 

Contesto e fonti:

[1] Il 10 dicembre 2012 , il Consiglio per gli Affari esteri dell'UE sul processo di pace in Medio Oriente ha deciso che “tutti gli accordi tra lo Stato di Israele e l'UE devono indicare in modo inequivocabile ed esplicito la loro inapplicabilità ai territori occupati da Israele nel 1967, vale a dire, le alture del Golan, la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, e la Striscia di Gaza”.

[2] Protocollo d'intesa dell'UE con Egitto e Israele sul gas naturale e l'assenza di una clausola territoriale, interrogazione del 23.6.2022 alla Commissione per risposta scritta.

[3] Risposta del 28.7.2022 dell'Alto rappresentante/Vicepresidente Borrel a nome della Commissione europea.

[4] Per i dettagli sull'interconnettore EuroAsia, nonché sul riconoscimento e l'assistenza dell'UE agli insediamenti illegali di Israele risultanti dalla promozione e dal finanziamento dell'UE di questo progetto, vedere questo documento legale emesso dal Consiglio delle organizzazioni palestinesi per i diritti umani (PHROC).

[5] Secondo la legge del mare , l'oleodotto si trova a un miglio nautico oltre le acque territoriali di Gaza, nell'adiacente zona contigua che fa parte della Zona Economica Esclusiva (ZEE) della Palestina. In quest'area, la posa e il funzionamento di cavi sottomarini e condutture sono soggetti al consenso e alle condizioni della Palestina e devono rispettare i diritti sovrani palestinesi sulle risorse naturali del mare (articoli 56, 58, 79).

 Fonte: BNC

Traduzione di BDS Italia

Il movimento BDS ha compiuto 17 anni all'inizio di questo mese. Dai un'occhiata alle 17 vittorie per i diritti dei palestinesi finora ottenute quest'anno e unisciti a noi nella marcia verso la libertà, la giustizia e l'uguaglianza!

Nell'ultimo anno i palestinesi autoctoni hanno sopportato l'apartheid israeliana, la brutale repressione e la Nakba ancora in corso. Tuttavia, abbiamo raggiunto molti traguardi con il tuo supporto. Una recente e importante pietra miliare è il rapporto di Amnesty International del febbraio 2022 che conclude che il crudele sistema di dominio razziale di Israele sull'intero popolo palestinese costituisce il crimine contro l'umanità di apartheid. Il movimento BDS è stato per anni al centro del movimento palestinese contro l'apartheid e ora assistiamo alla storia in movimento.

Dona per aiutarci a raggiungere nuove vette

Il nostro successo dipende da te. Nel nostro 17° anniversario, unisciti a noi mentre diamo uno sguardo ai 17 principali risultati del movimento BDS nel 2022 e unisciti a noi mentre marciamo verso la libertà, la giustizia e l'uguaglianza! 

Gennaio:

1. Artisti e organizzazioni artistiche si sono ritirati in massa dal prestigioso Festival di Sydney per la sua collaborazione con l'apartheid israeliana.

2. HPE ha concluso il contratto di fornitura di server per l'informatizzazione del database della popolazione israeliana, noto come Aviv System. La campagna continua a mobilitarsi contro la complicità di HPE con la polizia e i servizi carcerari israeliani.

3. Diversi autori arabi del Kuwait, dell'Oman e dell'Arabia Saudita si sono ritirati dall'"Emirates Airline Festival of Literature" che era un chiaro tentativo di mascherare le atrocità contro i diritti umani degli Emirati Arabi Uniti mentre normalizzava la sua alleanza con l'Israele dell’apartheid.

Marzo:

4. L'Australia's Future Fund ha escluso gli investimenti in Elbit Systems, la più grande compagnia privata di armi dell’Israele dell'apartheid.

5. Il relatore speciale delle Nazioni Unite Michael Lynk ha confermato che Israele perpetra il crimine di apartheid. Ad aprile, cinque esperti delle Nazioni Unite in materia di diritti umani hanno approvato il rapporto che conferma il crimine di apartheid da parte di Israele.

6. Attivisti provenienti da 21 paesi africani si sono riuniti a Dakar per la prima Conferenza Panafricana Anti-Apartheid a sostegno della Palestina, organizzata da Pan-African Palestine Solidarity Network. I partecipanti si sono impegnati a organizzarsi fino a quando l'apartheid israeliana non sarà smantellata.

Aprile:

7. Atleti e squadre arabi e internazionali provenienti da Kuwait, Giordania, Libano, Algeria, Iran e Spagna si sono rifiutati di normalizzare l'apartheid israeliana e hanno denunciato l'ipocrisia dell'azione selettiva da parte degli organismi sportivi internazionali dominati dall'Occidente.

Maggio:

8. La squadra di calcio argentina ha cancellato una partita "amichevole" programmata nell'Israele dell’apartheid, dopo una campagna pubblica e una lettera aperta della squadra di calcio palestinese Al Khader.

9. La CUNY Law School si è si è unita a centinaia di dipartimenti, programmi, sindacati e società accademici in tutto il mondo che si battono per i diritti dei palestinesi e chiedono di porre fine alla complicità con l'apartheid israeliana.

10. Il comitato editoriale di Harvard Crimson ha dato il suo appoggio al movimento BDS a guida palestinese e 50 docenti di Harvard hanno promesso il loro sostegno.

11. Una delegazione del clero sudafricano in rappresentanza del Consiglio ecumenico delle chiese, del Consiglio sudafricano delle chiese e dell'Alleanza evangelica del Sud Africa ha rivolto un appello alle comunità e alle istituzioni cristiane nonché ai governi affinché riconoscano e denuncino le politiche israeliane come apartheid e pongano fine a ogni sostegno all'apartheid israeliana.

Giugno:

12. General Mills ha annunciato che la società ha venduto la sua partecipazione nella sua joint venture nell'Israele dell’apartheid, dopo diversi anni di pressioni del BDS.

13. La più grande federazione sindacale norvegese (LO Norge), con quasi 1 milione di membri, ha dichiarato il suo sostegno al boicottaggio dell'Israele dell’ apartheid e ha invitato la Norvegia a sostenere la richiesta di un’indagine sull’apartheid da parte dell’ONU #UNinvestigateApartheid.

14. Una mozione storica è stata approvata all'unanimità dal Consiglio latinoamericano delle scienze sociali (CLACSO) sostenendo l'appello palestinese a boicottare le istituzioni accademiche israeliane complici del regime israeliano di occupazione militare, colonialismo di insediamento e apartheid.

15. Il Parlamento della Catalogna ha approvato una risoluzione che lo rende il primo parlamento in Europa a riconoscere che Israele sta commettendo il crimine di apartheid contro il popolo palestinese. Nella stessa settimana, il partito politico polacco “Razem” ha riconosciuto che Israele è uno stato di apartheid e ha dato il suo appoggio al movimento BDS.

16. La band statunitense Big Thief ha annunciato la cancellazione dei due concerti in programma al Barby nella Tel Aviv dell'apartheid dopo aver ascoltato agli appelli di migliaia di fan.

Luglio:

17. Il Comitato Organizzatore del Lisbon Pride ha rifiutato la partecipazione dell'ambasciatore dell’Israele dell'apartheid alla marcia di quest'anno.

Questi 17 impatti del BDS sono solo un'istantanea della nostra posizione oggi. Grazie per aver agito e per continuare a essere solidale con la nostra lotta nonviolenta contro l'apartheid, il colonialismo di insediamento e l'occupazione e per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza del popolo palestinese!

Agisci contro l'apartheid israeliano!

Fonte: BNC

Traduzione di BDS Italia

La scorsa estate l’azienda Ben & Jerry's ha annunciato che avrebbe smesso di vendere i suoi gelati negli insediamenti coloniali illegali della Cisgiordania. Nonostante la mossa, l'azienda ha chiarito di non avere intenzione di porre fine a tutte le relazioni commerciali in Israele e di non appoggiare il movimento BDS. Gli attivisti palestinesi continuano a fare pressioni su Ben & Jerry's affinché si ritiri del tutto dal Paese. Sebbene il futuro di Ben & Jerry's in Israele rimanga poco chiaro, una sua dichiarazione rivela un aspetto molto importante. L'azienda ha affermato di aver preso posizione sulla base del rispetto dei diritti umani. Vendere gelati nelle colonie era "incoerente con i nostri valori", ha detto ai consumatori.

Questo non succede quasi mai. Quando un'azienda decide di chiudere la propria attività in una colonia di solito non ammette che la scelta sia stata determinata da una pressione degli attivisti. Non ha quindi sorpreso il modo in cui la General Mills [multinazionale statunitense che produce alimenti attraverso un grande numero di marche, NdT] ha annunciato il mese scorso che avrebbe disinvestito dalle sue attività israeliane. Dal 2002 l'azienda produceva prodotti della Pillsbury [uno dei maggiori produttori mondiali di cereali e altri prodotti alimentari, NdT] in una fabbrica situata nella zona industriale di Atarot, territorio annesso illegalmente da Israele dopo la guerra del 1967. Nel corso degli ultimi due anni l'American Friends Service Committee (AFSC) (società religiosa di quaccheri che si batte per la giustizia sociale, la pace e i diritti umani, NdT) ha condotto una campagna incoraggiando le persone a boicottare i prodotti Pillsbury fino a quando la General Mills non avrebbe cessato l'impiego di quella fabbrica. Ciò ha incluso petizioni, proteste, manifestazioni da parte di azionisti e altre azioni. Tale impegno ha ricevuto anche l'approvazione dei membri della famiglia Pillsbury, discendenti diretti dell'uomo che ha fondato l'azienda nel 1869.

L'annuncio della General Mills non ha fatto nessun accenno a tutto ciò. "General Mills ha annunciato oggi di aver venduto la sua partecipazione nella sua joint venture in Israele, che commercializza principalmente prodotti a base di pasta, a Bodan Holdings, il suo precedente partner di joint venture", si legge. "Questa cessione rappresenta un altro passo nella strategia di velocizzazione di General Mills, incentrata sulle scelte strategiche riguardo la definizione delle priorità di allocazione delle nostre risorse per l'acquisizione di migliori rendimenti. A livello internazionale, la strategia include sforzi per rimodellare il portafoglio dell'azienda per una crescita sostenibile e redditizia aumentando la sua attenzione su piattaforme globali avvantaggiate, che comprendano cibo messicano, gelati di ottima qualità e snack bar. La cessione fa seguito al nostro precedente annuncio sulla proposta di vendita delle nostre attività commerciali di prodotti a base di pasta in Europa. Dopo che l'AFSC ha dichiarato la vittoria, la General Mills ha rilasciato un'altra dichiarazione: "Abbiamo chiarito la strategia aziendale globale che ha guidato questa decisione. Qualsiasi affermazione di altri che si prendano il merito di questa decisione è falsa". I siti web pro-Israele hanno rapidamente prodotto post volti a dimostrare come il BDS risulti un grande fallimento.

Tuttavia, il ragionamento dell'azienda non regge. Questa settimana ho parlato con la responsabile del settore dell'attivismo economico dell'AFSC Dov Baum della decisione della General Mills e lei ha esaminato i dettagli. Ecco ciò che dice:

Ci sono due cose che è davvero necessario che le persone comprendano. La prima e più importante è che le aziende non sono soggetti etici. Non ci aspettiamo che l’azienda venga fuori con un annuncio politico etico e morale. Le aziende non sono persone, sono macchine per fare soldi. Sono costituite da persone, ma sono macchine progettate solo per massimizzare i profitti. Quindi, nei 15 anni in cui ho lavorato su questi problemi, ho visto decine di aziende fare un passo indietro a causa della loro esposizione ai rischi nel fare affari nei territori palestinesi occupati. Si tratta del rischio di un contenzioso. Un potenziale rischio legale. Una controversia troppo grande in un mercato molto piccolo. Quindi è una buona decisione commerciale. Voglio solo dire molto chiaramente che l'azienda ci sta dicendo la verità. È una decisione aziendale. Credo che un'azienda come la General Mills non possa permettersi di continuare a fare affari in un territorio palestinese occupato in una colonia illegale, soprattutto dopo che ciò è stato posto in primo piano, come è stato fatto a livello internazionale dall'ONU, perché questa è una faccenda ricca di controversie. È qualcosa di non immediata soluzione. E nelle vesti di un'azienda che cerca di vendere articoli alla gente sono sicuro che non ha voluto essere associata a questo contenzioso.

Inoltre per loro è un affare molto piccolo. Si tratta di una piccola fabbrica. In effetti, l'intero mercato israeliano è piccolo. Quindi hanno preso una decisione aziendale molto solida e sana ed è molto raro che un'azienda venga fuori con una dichiarazione etica su questi problemi. Conosco due di questi esempi riguardo gli insediamenti coloniali, l'ultimo è quello di Ben e Jerry. Con l'attuale situazione legale e la legislazione anti-BDS, Ben & Jerry's può aspettarsi un contraccolpo molto serio da parte delle organizzazioni sioniste e a causa di questi nuovi assurdi meccanismi legali che stanno penalizzando tutti i discorsi sulla Palestina. Quindi penso che la General Mills abbia preso una solida decisione commerciale di allontanarsi da questo mercato, ma allo stesso tempo cerchi di evitare questo odioso contraccolpo da parte dei simpatizzanti sionisti. Quindi hanno preso una buona decisione. Questo un punto solido. È stata davvero una buona decisione commerciale.

Il secondo punto da rilevare è che hanno una strategia di comunicazione molto intelligente. L’azienda ha scelto di rilasciare una dichiarazione sulla ristrutturazione e la vendita della filiale israeliana, General Mills Israel, e di evidenziare il fatto che continuerà a fare affari in Israele. Ha indirizzato direttamente questo messaggio ai media sionisti e israeliani, ha avuto lunghe conversazioni con questi media. Non vuole finire in quell'elenco di società che hanno ceduto alle pressioni del BDS.

Quindi capisco perché l'hanno fatto, ma il messaggio con cui sono usciti è fuorviante. Per due anni, la nostra campagna ha chiesto loro di interrompere l'approvvigionamento di prodotti Pillsbury da quella fabbrica, ma la loro dichiarazione originale non diceva nulla su quella fabbrica. Quindi vendere la loro filiale israeliana non significava necessariamente che avrebbero smesso di rifornirsi da quella fabbrica. Abbiamo scritto all'azienda chiedendo chiarimenti in merito e, ancora una volta, non abbiamo ricevuto risposta. Negli ultimi giorni, la nostra campagna ha rilasciato una dichiarazione di vittoria dicendo che pensiamo che l’azienda abbia davvero intenzione di interrompere l'approvvigionamento dalla fabbrica. Lo deduciamo dalla lettura tra le righe delle loro dichiarazioni e tra le righe emerge che sono usciti con un'altra dichiarazione dicendo che avrebbero continuato a vendere in Israele gli altri loro altri marchi, il che per me significa che non venderanno più i prodotti Pillsbury in Israele.

Hanno anche detto che stanno abbandonando il commercio della pasta. La fabbrica è una linea di produzione di pasta congelata, quindi ciò significa che vorrebbero cessare la produzione in quella fabbrica. In una delle testate giornalistiche è stato proprio chiesto loro della fabbrica e hanno detto: "Beh, quella è una fabbrica di pasta. Quindi non continueremo ad utilizzarla”. Perciò trovo che questa sia una manovra molto intelligente da parte loro, ma una vittoria totale per la nostra campagna. Stanno facendo quello che abbiamo chiesto loro di fare e mi congratulo con loro per questo.

Penso che sia stato davvero importante per l'azienda non arrivare a dichiarare chiaramente che non avrebbero più realizzato in quella fabbrica prodotti Pillsbury perché ciò avrebbe potuto essere interpretato come un allontanamento dagli accordi. Per noi non importa davvero come ne parlino purché lo facciano.

Il punto di Dov Baum su Ben & Jerry's è importante. Le aziende non vogliono essere prese di mira dagli attivisti del BDS, ma non vogliono nemmeno essere diffamate come "antisemiti" o affrontare l'ira dei parlamentari filo-israeliani. Come evidenziato in precedenza, Ben & Jerry's ha ripetutamente affermato che continuerà a fare affari in Israele e che non appoggia il movimento BDS. Questo non ha in alcun modo mitigato le reazioni isteriche alla loro decisione. Sembra abbastanza ovvio che il boicottaggio di Pillsbury sia stato un successo, indipendentemente da come la gente voglia inquadrarlo.

Puoi leggere la mia intera intervista con Dov Baum sul sito.

 Michael Arria

Traduzione di BDS Italia

General Mills, società madre di Pillsbury, ha venduto la sua partecipazione nella sua joint venture nell'Israele dell’apartheid, dopo diversi anni di pressioni del BDS sulla sua produzione di prodotti Pillsbury nella zona industriale di Atarot, un insediamento israeliano illegale su terra palestinese rubata.

Ieri, la General Mills ha annunciato che la società ha venduto la sua partecipazione nella sua joint venture nell'Israele dell’apartheid, dopo diversi anni di pressioni del BDS.

Nel 2020, la General Mills, società madre di Pillsbury, è stata inserita nel database del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite sulle società complici di attività negli insediamenti illegali, a causa della produzione da parte dell'azienda di prodotti Pillsbury nella zona industriale di Atarot, un insediamento israeliano illegale su terra palestinese rubata.

Attivisti, gruppi per i diritti umani e persino membri della famiglia Pillsbury hanno invitato la comunità internazionale a #BoicottarePillsbury dopo la pubblicazione del database dell'UNHRC.

Il movimento BDS accoglie con favore la decisione della General Mills come un passo decisivo verso la fine della complicità dell'azienda con l'apartheid israeliana e con le violazioni dei diritti umani dei palestinesi.

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia

Il Pan-African Palestine Solidarity Network (PAPSN) ha rilasciato una dichiarazione ai media mentre gli attivisti africani si riuniscono a Dakar per una mobilitazione a favore della Palestina.

Attivisti provenienti da tutta l'Africa si riuniranno nella capitale senegalese, Dakar, dal 10 al 12 marzo per una mobilitazione a sostegno della lotta di liberazione della Palestina e per definire delle strategie contro l'apartheid israeliana sul tema: "Dall'Africa alla Palestina, uniti contro l’apartheid".

Ospitato da *Plateforme Solidarité Sénégal-Palestine* (Piattaforma di solidarietà Senegal Palestina), l'evento è organizzato dal Pan-African Palestine Solidarity Network (PAPSN) (Rete pan-africana di solidarietà con la Palestina, N.d.T.), una rete in crescita di gruppi di solidarietà con la Palestina, organizzazioni della società civile e attivisti di oltre 20 paesi di tutto il continente, comprese le organizzazioni di solidarietà con la Palestina di Malawi, Sudan, Tanzania, Senegal, Nigeria, Zimbabwe, Kenya e Sud Africa.

Questa sarà la prima volta che gli attivisti solidali con la Palestina terranno un raduno di questo tipo in Africa. L'ampia rappresentanza di organizzazioni provenienti da tutto il continente non ha precedenti in termini di solidarietà con la Palestina. Arriva appena un mese dopo che Amnesty International si è unita ai palestinesi e a molte altre organizzazioni per i diritti umani nel riconoscere che Israele sta praticando un crudele sistema di oppressione e il crimine contro l'umanità dell'apartheid contro il popolo palestinese e nel chiedere un'azione decisiva, comprese sanzioni finalizzate a porre fine all'apartheid di Israele.

*Tra i relatori principali del evento pubblico previsto sabato 12 marzo: **Emma Nyerere* della Pan-African Women’s Organisation, *Mandla Mandela*, nipote dell'icona della liberazione sudafricana Nelson Mandela. Nelson Mandela ha sostenuto fermamente la causa palestinese e notoriamente ha affermato che la nostra libertà è incompleta senza la libertà dei palestinesi.

È prevista anche la partecipazione di personalità politiche senegalesi di alto livello, insieme all'ex combattente per la libertà e ministro degli Esteri algerino *Lakhdar Brahimi*, all'attivista marocchina per i diritti umani *Khadija Ryadi*, e al famoso arcivescovo metodista nigeriano e difensore dei diritti umani *Arcivescovo Michael Kehinde Stephen*.

A loro si uniranno l'attivista palestinese *Jamal Juma*, del Comitato nazionale palestinese per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) e *Shaden Quos*, un giovane attivista della comunità afro-palestinese.

*L'evento si svolge dalle 9:30 alle 12:30 presso la Maison de la presse, Corniche ouest- Dakar. Nella stessa sede si terrà una conferenza stampa dalle 12:45 alle 13:30.

*In cima all'agenda della PAPSN c'è la mobilitazione del sostegno popolare, compresi i giovani e le donne dell’Africa, in appoggio alla lotta di liberazione palestinese. La PAPSN intende sviluppare strategie per campagne di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele; smascherare il mito dello "sviluppo israeliano" e il ruolo dell'apartheid israeliana nella militarizzazione, nelle guerre e nella repressione in Africa. I delegati discuteranno anche del recente accreditamento di Israele presso l'Unione africana e delle strategie per cacciare lo Stato israeliano di apartheid dall’Africa.

Per ulteriori informazioni e interviste ai media, si prega di contattare:

*FRANCESE:* Sig. Dialo Diop: +221 77 632 5353

*INGLESE:* Sig.ra Roshan Dadoo: +27 82 816 2799

 Fonte: BNC

Traduzione di BDS Italia