LIBERTÀ. GIUSTIZIA. UGUAGLIANZA.

Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni per i diritti del popolo palestinese.

Notizie BDS

Notizie internazionali del movimento globale BDS.

10 aprile 2010

kairosUn messaggio "dal cuore della sofferenza dei cristiani palestinesi" per chiedere la fine dell'occupazione israeliana e la riconciliazione tra i due popoli. È questo il messaggio contenuto nel documento "Kairos Palestina", pubblicato l'11 dicembre a Betlemme da un gruppo di teologi e vescovi palestinesi di diverse confessioni cristiane, con il patriarca emerito Michel Sabbah come primo firmatario. Il testo verrà presentato a Verona lunedì 12 in un incontro pubblico organizzato da don Nandino Capovilla, coordinatore dell'associazione Pax Christi, autore di numerosi volumi sul conflitto mediorientale e sulla situazione dei cristiani nella regione e curatore della seguita newsletter "Bocchescucite". Il documento verrà presentato in un incontro presso il teatro dell'Istituto Montanari alle 18,30 da p. Raed Abushalia, parroco del villaggio palestinese di Taybeh, figura molto vicina a Michel Sabbah, e membro del coordinamento Kairos del Patriarcato di Gerusalemme. Insieme a p. Abushalia, interverrà Fulvio Scaglione, vicedirettore del settimanale Famiglia cristiana.

L'appello Kairos Palestina – che può essere scaricato e sottoscritto sul sito www.kairospalestine.ps - deve il titolo all'omonimo documento Kairos che un gruppo di cristiani sudafricani impegnati contro l'apartheid sottoscrissero nel 1985, dichiarando il regime segregazionista contro la popolazione nera un peccato e condannando la giustificazione teologica dell'ideologia retta sullo sviluppo separato. Il documento rimane uno dei simboli più importanti della lotta nonviolenta contro l'apartheid: proprio ad essa il collettivo di rappresentanti religiosi palestinesi si riferisce idealmente. Il documento Kairos palestinese fa appello perché termini l'occupazione israeliana nei Territori, sostiene la campagna internazionale di boicottaggio, ritiro degli investimenti e sanzioni economiche nei confronti di Israele e chiede ai politici palestinesi la fine della separazione tra la Cisgiordania e la striscia di Gaza.

corte-ue Prodotti originari della Cisgiordania non possono beneficiare del regime doganale preferenziale istituito dall’accordo CE-Israele

M.O.: CORTE UE, NO REGIME DOGANALE CE-ISRAELE PER PRODOTTI CISGIORDANIA

(ASCA) - Roma, 25 feb - ''I prodotti originari della Cisgiordania non possono beneficiare del regime doganale preferenziale istituito dall'accordo Comunita' europea-Israele''. Lo rende noto la Corte di giustizia dell'Unione europea in un comunicato .

''L'affermazione delle autorita' israeliane, secondo cui prodotti fabbricati nei territori occupati beneficerebbero del trattamento preferenziale accordato alle merci israeliane non vincola le autorita' doganali dell'Unione'', ha sottolineato la nota.

di Emily Schaeffer*

22 febbraio 2010

La gente parla di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS). E si dovrebbe parlare del BDS. Se non stai parlando del BDS nel contesto di Israele/Palestina, ci dovresti pensare. Ed ecco perché.

Quando ero bambina, inviavo la mia paghetta al Fondo Nazionale Ebraico per piantare alberi in Israele in nome di membri della mia famiglia. Mi raccontavano storie di un popolo diseredato che, dopo secoli di persecuzioni, aveva finalmente trovato rifugio nella sua terra natale solo per dover poi affrontare un gruppo di avide persone violente che avevano case su due continenti ma che ha insistito nel negare al mio popolo questa sottile striscia di terra. Ho pensato: ancora dell'anti-semitismo.

Ci sono voluti solo pochi mesi vissuti in Israele come studentessa universitaria alla fine degli anni '90 per scoprire le bugie - o almeno le informazioni chiave mancanti - della mia infanzia. Indagando ulteriormente, ho scoperto quanto questa revisione della storia e del presente aveva preso in ostaggio il mondo e aveva fatto diventare alcune delle nazioni più potenti economicamente e politicamente i "grandi facilitatori" di Israele. Finché le relazioni con Israele sono normalizzate, le sue azioni andranno avanti senza limiti, e nessuno si preoccuperà di chiedere sui dettagli, per esempio su "Chi ne trae profitto?" (http://www.whoprofits.org/). Dopo tutto, il sostegno a Israele è venduto al pubblico come un mezzo per sostenere l'unica democrazia in Medio Oriente.

Ambasciatori israeliani identificano la promozione delle relazioni economiche ai livelli più alti come un pilastro centrale del loro lavoro, che possono anche aiutare nel portare avanti le relazioni politiche. In un incontro con il giornale israeliano The Marker, hanno rotto il silenzio circa le campagne di boicottaggio delle merci provenienti da Israele, e parlano della lotta contro il boicottaggio.

Gli ambasciatori israeliani all'estero non vedono più lo sviluppo e il rafforzamento delle relazioni economiche e commerciali con i paesi in cui sono rappresentanti come un obiettivo minore di quello di sviluppare e rafforzare le relazioni politiche. Al contrario, secondo loro, una combinazione di questi due obiettivi permette una maggiore efficienza nel raggiungimento degli obiettivi politici per i quali sono responsabili. L'interesse economico che si crea per la tecnologia israeliana, per esempio, li aiuta a mettere da parte gli appelli per il boicottaggio di Israele. Gli ambasciatori lavorano a stretto contatto con gli addetti commerciali del Ministero del Commercio, dell'Industria, del Lavoro e delle Finanze. Secondo loro, il contributo dell'ambasciatore è quello di aprire le porte ai più alti livelli, che gli addetti non raggiungono.

In molti paesi in cui esiste una stretta connessione tra i settori commerciali e di governo, come in Cina, un funzionario politico di alto livello coinvolto nella promozione delle imprese e doppiamente importante. Tuttavia, anche in stati competitivi come la Francia, in cui gli uomini d'affari vengono fotografati più spesso salendo sull'aereo del Presidente prima di un volo congiunto piuttosto che davanti alle loro fabbriche, l'ambasciatore ha un notevole peso nella promozione delle imprese.

rete-ecoLe continue violazioni da parte di Israele dei diritti umani dei Palestinesi hanno raggiunto limiti intollerabili sia in Israele sia nei Territori Palestinesi Occupati (OPT) ed a Gaza. Oltre le violazioni del diritto internazionale, sancito da numerose dichiarazioni della Nazioni Unite alle quali Israele ha formalmente aderito, Israele si è reso colpevole di gravissimi crimini contro l'Umanità. Recentemente a Gaza l'esercito israeliano ha compiuto un immane massacro di civili, con oltre 1400 morti tra cui numerosi bambini ed infanti, ben documentato nella relazione della Commissione di inchiesta delle Nazioni Unite, presieduta dal giudice Goldstone. Un simile massacro era stato commesso da Israele nel 2006, in Libano. L'invasione da parte di coloni israeliani, appoggiati dall'esercito, nei OPT di Cisgiordania, è proseguita e prosegue tuttora, accompagnata dalla espulsione dei Palestinesi dalle loro case e dalle loro terre. A nulla sono valse, sinora, le condanne da parte di varie Istituzioni delle Nazioni Unite: Israele non ha ascoltato nessuna delle ingiunzioni, forte dell'appoggio degli Stati Uniti d'America e del colpevole silenzio o comunque mancanza di sanzioni da parte dell'Unione Europea.