L'organizzatore del concorso, l'UER, continua a premiare ipocritamente i decenni di apartheid e occupazione di Israele permettendole di partecipare

La Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI) e il Sindacato dei giornalisti palestinesi chiedono all'Unione europea di radiodiffusione (UER) di bandire Israele dall'Eurovision Song Contest - il più grande evento musicale dal vivo del mondo - o di affrontare un boicottaggio diffuso.

Israele, considerato uno Stato di apartheid dalle principali organizzazioni per i diritti umani di tutto il mondo, è accusato dal Sudafrica, sostenuto da decine di Stati, di genocidio contro i palestinesi di Gaza presso la Corte internazionale di giustizia.

Un alto funzionario delle Nazioni Unite per i diritti umani e un importante studioso israeliano dell'Olocausto e del genocidio hanno descritto la guerra di Israele contro i 2,3 milioni di palestinesi nella Gaza occupata e assediata come "un caso da manuale di genocidio". Anche decine di esperti delle Nazioni Unite e centinaia di studiosi di diritto internazionale hanno messo in guardia da "un genocidio in atto".

Ben prima del genocidio in corso da parte di Israele, il PACBI, membro fondatore del Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC), la più grande coalizione della società palestinese che guida il movimento BDS globale, ha chiesto di sospendere la partecipazione di Israele a Eurovision.

Il documento afferma che "sanzionando la Russia per l'invasione dell'Ucraina, avvenuta pochi giorni prima, e proteggendo l'Israele dell'apartheid dal dover rendere conto delle proprie azioni, nonostante il pluridecennale regime di oppressione contro i palestinesi, gli organizzatori dell'Eurovision e l'UER mostrano un disprezzo del tutto ipocrita, razzista e coloniale per la vita dei palestinesi".

Se l'UER non riuscirà ad eliminare l'apartheid israeliana dall'Eurovision, i palestinesi e i milioni di persone che sostengono la loro lotta di liberazione faranno una campagna per il boicottaggio di Eurovision.

Ora più che mai è urgente che Israele sia chiamato a rispondere per il  genocidio e l’apartheid di cui è responsabile. Fornire una copertura culturale al massacro di massa da parte di Israele di decine di migliaia di palestinesi, di cui quasi la metà sono bambini, equivarrebbe a consentire e coprire crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Sarebbe un'ironia della storia, soprattutto se si considera il passato oscuro dell'Europa, fatto di secoli di colonialismo brutale, schiavitù e numerosi genocidi.

Secondo i media israeliani, "l'account ufficiale Instagram del concorso pre-Eurovision della Finlandia ha lasciato intendere che il Paese potrebbe non partecipare al concorso che si terrà a maggio in Svezia, a causa della "situazione in Medio Oriente"", il che viene interpretato come un'allusione a un possibile "boicottaggio dovuto alla partecipazione di Israele". Anche le emittenti islandesi e slovene hanno espresso preoccupazione per la partecipazione di Israele.

Plaudiamo all'Associazione islandese dei compositori e dei parolieri, a più di 1.400 artisti finlandesi, alle associazioni ufficiali dei fan, a diversi finalisti e concorrenti attuali e precedenti dell'Eurovision e al Partito della Sinistra svedese, che hanno già chiesto che l'Israele dell'apartheid sia bandito dal concorso, proprio come la Russia. Ci uniamo ai loro appelli.

L'emittente statale israeliana Kan ha recentemente pubblicato un video agghiacciante e genocida di bambini israeliani che cantano: "Li annienteremo tutti [i palestinesi di Gaza]". Questo fatto da solo avrebbe dovuto giustificare l'espulsione di Kan dall'Eurovisione.

Ubriachi di impunità, i funzionari israeliani hanno persino tentato di intimidire pubblicamente la BBC affinché mettesse da parte il concorrente britannico, che aveva precedentemente firmato una lettera aperta in cui criticava il genocidio di Israele a Gaza e il cinico pinkwashing del suo regime di apartheid.

La lettera firmata dal concorrente britannico recitava, in parte: "noi, come persone LGBTQIA+, non possiamo permettere che altri strumentalizzino le nostre lotte per la libertà sulla base della sessualità e dell'identità di genere per giustificare l'occupazione sistemica e il genocidio di un popolo".

La campagna BDS, durata un anno, per il boicottaggio di Eurovision 2019 ospitata da Israele nella Tel Aviv dell'apartheid, ha negato a Israele la sua operazione di ripulitura propagandistica. Oltre 100 organizzazioni LGBTQ+, centinaia di artisti di spicco e milioni di persone in tutta Europa hanno sostenuto il boicottaggio.

L'ampia copertura dei media mainstream ha poi dato risalto al BDS, etichettando il concorso come "l'Eurovision più politica" di sempre. Solo una parte dei visitatori attesi si è presentata. La parola più twittata insieme all'hashtag ufficiale dell'Eurovision, oltre a "Israele", è stata "apartheid".

Il PACBI invita tutti coloro che rifiutano il genocidio e l'apartheid a unirsi e a fare pressione sull'UER affinché bandisca Israele da Eurovision, e a boicottare la manifestazione se questo non si verificasse.

Fonte: Comitato nazionale palestinese per il BDS (BNC)

Traduzione di BDS Italia