10 Maggio 2012

L'acqua è limpida…
gli affari di SODASTREAM in Palestina, NO!

Sodastream, ditta israeliana che produce gasatori per l'acqua di rubinetto, spacciati per prodotti "eco-chic", nasconde delle brutte verità:

  • La sua principale fabbrica si trova in un insediamento israeliano nei Territori palestinesi occupati; gli insediamenti sono ritenuti illegali dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU, dalla Corte Internazionale di Giustizia e da tutte le istituzioni europee.
  • Finanzia direttamente l’insediamento attraverso le tasse comunali che vengono utilizzate esclusivamente per sostenere la crescita e sviluppo.
  • Finanzia anche, tramite le tasse comunali, la famigerata discarica israeliana di Abu Dis, dove vengono scaricate 1100 tonnellate di rifiuti israeliani al giorno su terre rubate ai Palestinesi, inquinando corsi d’acqua e terre nelle vicinanze.
  • Sfrutta la manodopera palestinese, sottoponendola a condizioni di lavoro discriminatorie e a licenziamenti indiscriminati, come testimoniano gli stessi lavoratori. L'occupazione israeliana impedisce, del resto, lo sviluppo di un'economia palestinese.

FINTO AMBIENTALISMO. VERE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI

Con campagne pubblicitarie milionarie, in Italia Sodastream punta a coinvolgere persone, organizzazioni e enti locali che hanno a cuore l’ambiente. NON CI CASCHIAMO!

Legambiente, che aveva stipulato un contratto di sponsorizzazione con Sodastream, venuta a conoscenza delle violazioni dei diritti umani, ha rescisso il contratto. WWF, ignaro, coinvolto in un’iniziativa promozionale di Sodastream, ha negato l’uso del proprio logoOxfam Italia ha sospeso i rapporti con Paola Maugeri a causa del suo ruolo da testimonial per Sodastream. E il Comune di Trieste ha ritirato un prodotto Sodastream previsto come premio per un concorso sulla raccolta differenziata.

NO alle bollicine di Sodastream!

Chiediamo a tutti coloro che hanno a cuore l'ambiente e i diritti umani di vigilare e di attivarsi per impedire che gli enti locali e le organizzazioni intraprendano rapporti con Sodasatream.

Oltre 1800 persone, insieme a 30 comitati, ONG, associazioni e collettivi, hanno firmata la lettera ai rivenditori italiani chiedendo la sospensione della vendita dei prodotti Sodastream.

Firma anche tu!

firma

Stop Sodastream

BDS Italia su Facebook

bdsitalia Iscriviti alla newsletter di BDS Italia: Fai qualcosa di concreto per la Palestina https://t.co/9F3hkLSOzd https://t.co/lRvFJeb3sy
bdsitalia .@ravennafestival ignora appelli da Palestina, S.Africa e Israele, accetta fondi da gov israeliano. #DirittiInBallo https://t.co/zZqd0AIv0F
bdsitalia La società civile palestinese chiede il boicottaggio di Israele. 8 modi per farlo. #BDS https://t.co/gk60tYNADw https://t.co/yUKDhmxpPm

Il Movimento BDS

PACBI

BDS in Israele